I 10 luoghi più curiosi del mondo da visitare

Agosto 2018

Luoghi curiosi dove un vero viaggiatore dovrebbe visitare una volta nella vita!

Siete pronti? Leggete l’articolo preso dal sito www.genteinviaggio.it

Ci sono dei luoghi curiosi, strani e allo stesso tempo magici che almeno una volta nella vita si dovrebbero visitare. Qui ne abbiamo selezionati dieci, alcuni facilmente raggiungibili altri meno, ma tutti valgono la pena di essere visti.

foto presa da Google

Lago Retba – Senegal

L’insolita colorazione delle acque di questo lago è dovuta all’azione di microrganismi che in alcune giornate particolarmente soleggiate e ventose salgono in superficie. Le acque del “lago rosa” hanno un alto tasso di salinità, ben dieci volte superiore a quello del mare. Qui infatti si estrae il sale, che viene poi accumulato in grandi mucchi sulle rive, prima di essere venduto.

foto presa da Google

The Wave – Arizona

Sembra un quadro, invece è tutto reale. The Wave, l’onda, in Arizona è formato da ex dune di sabbia sottoposte prima a calcificazione in strati orizzontali e verticali che le ha tramutate in roccia, poi all’erosione degli agenti temporali che hanno reso il tutto magicamente liscio come appare oggi.

I nove inferni di Beppu – Giappone

Non è poi tanto male essere “mandati all’inferno”, se il posto in questione è Beppu! Situata sull’isola di Kyushu, è tra le più famose località termali del Giappone. Il suo territorio presenta una serie consistente dei fenomeni caratteristici delle aree vulcaniche con caldere, solfatare, fumarole vulcaniche e migliaia di sorgenti termali la cui temperatura varia dai 37 ai 98° C.

foto presa da Google

Kleven – Ucraina

Detto “Il tunnel degli innamorati”, è una romantica ferrovia verde che si estende per quasi 3 chilometri. Un tunnel di foglie in cui passa un treno privato che trasporta legno e che rappresenta uno straordinario esempio di architettura naturale nelle foreste dell’Ucraina.

foto presa da Google
foto presa da Google

Wave Rock – Australia

Sembra una gigantesca onda oceanica nel momento in cui si sta per infrangere. Questa roccia lunga oltre 10 metri arriva a 15 metri di altezza. Wave Rock si trova vicino la cittadina di Hyden in Australia occidentale.

foto presa da Google

Rennes le Château – Francia

Circolano tante leggende su questo luogo. Si narra che il Santo Graal sia nascosto in questo piccolo paesino della Francia con soli 87 abitanti. Il tesoro sarebbe nascosto qui, presumibilmente ritrovato dal parroco che resse la locale chiesa di Santa Maddalena a cavallo del XIX e XX secolo: Bérenger Saunière.

foto presa da Google

Supilinn – Estonia

La particolarità di questo quartiere periferico della città di Tartu, sospesa nel tempo, va ricercato nel nome delle strade. Chiamato non a caso “Soup Town” perché le sue vie portano la denominazione di patate, piselli, fagioli, un grande minestrone insomma.

Setenil de las Bodegas – Spagna

Un paese sommerso dalle rocce. Le tipiche casette bianche del borgo sono inglobate nella roccia, molte sono letteralmente costruite dentro.

Banguingui – Filippine

Un paese sull’acqua. I Badjaos, sono una minoranza musulmana che vive sulle isole Samales, a sud delle Filippine, e sono conosciuti anche come zingari del mare perché abitano in villaggi su palafitte.

foto presa da Google

Blue Hole – Caraibi

Una scenario spettacolare. Un grande buco blu della larghezza di 300 metri e la profondità di circa 123 metri. Si è formato nell’Era Glaciale, quando il livello dei mare era molto più basso e la grande voragine era parzialmente in superficie. Dopo lo scioglimento dei ghiacciai, l’innalzamento del livello dei mare lo ha sommerso facendolo diventare come lo vediamo ora. Intorno al grande buco vivono indisturbati  diverse specie di squali, tra i quali tigre, martello e toro. Arrivarci non è molto facile: ci sono le escursioni che partono dall’eliporto di Lighthouse Reef o si può decidere di osservarlo dall’elicottero.

 

Ad Amalfi la barca a vela Cadamà, la prima in Italia per i diversamente abili

Agosto 2018

E’ stata ospite nel porto di Amalfi, nell’Amalfi Bunkern, Cadamà, la prima barca a vela italiana completamente studiata per i diversamente abili. Il progetto Cadamà vuole permettere in modo particolare alle persone con paraplegia ed a tutte le persone con disabilità più in generale di potersi impegnare nella navigazione a vela  ponendosi alle manovre e/o al timone, anche per crociere di più giorni, grazie ad una barca a vela accessibile.

L’accesso a bordo è garantito da una passerella apposita, al suo punto di arrivo il lazzaretto di poppa è stato portato a quota zero e subito oltre, il paraonde a protezione del pozzetto è stato eliminato. Il pozzetto stesso, in presenza di seggiole a rotelle, viene chiuso diventando un tutt’uno con il ponte mentre il dislivello tra il pozzetto e la prima tuga  viene superato tramite una rampa così da permettere alle seggiole di arrivare al tambugio e all’elevatore che porta in quadrato.

Durante la navigazione sono previsti dei gusci che permettono di spostarsi in modo ergonomico e sicuro tra le diverse postazioni con il duplice scopo di “fissare” il velista, permettendogli l’utilizzo dei winch o del timone ed eliminarel’uso della seggiola a rotelle in coperta durante la navigazione. Al momento sono previsti tre gusci, uno per murata al winch e uno al timone. Per chi non potesse o volesse rinunciare all’usa della seggiola vi sono due postazioni dove fissarla, una sulla prima tuga a sinistra del tambuggio e una nel pozzetto a dritta del timone.

l progetto delle modifiche per rendere la barca accessibile è stato elaborato e portato avanti giorno dopo giorno con la vita di bordoed è in continua evoluzione.

Articolo preso dal sito web www.cadama.it

foto presa da Google

 

 

Sulle orme degli animali più rari al mondo

Agosto 2018

Siete amanti degli animali? Il viaggio per voi significa anche andare alla scoperta degli esseri viventi più particolari al mondo? Leggi questo articolo preso dal sito www.travelweare.com

Musetti tenerissimi, code strane, orecchie enormi, temibili spire e versi sconosciuti: viaggiare è anche il modo per scoprire una natura incontaminata  e, perché no, una fauna quasi sconosciuta. Animali strani oppure pericolossissimi che solo in pochi luoghi al mondo è possibile osservare. Perché non approfittare per fare del viaggio un’occasione per trasformarsi in moderni Charles Darwin e andare a caccia (metaforicamente parlando) delle più originali specie del pianeta?

foto presa da Google

Olinguito – Equador e Colombia

Cominciamo dall’olinguito, tenerissimo essere peloso, a metà strada tra un orso ed un cagnolino. E’ il primo mammifero carnivoro ad essere stato scoperto in America negli ultimi 35 anni. Lo potete trovare nelle foreste pluviali di Ecuador e Colombia.

Tragulida – India

Altrettanto raro e buffo, forse anche vagamente inquietante, il tragulida è famoso anche con il nome di “topo – cervo” per via del suo corpo da ratto e zampe simili ad un cerbiatto.   Vive nelle foreste tropicali ed in particolare nell’India meridionale: buon nuotatore, si nutre di frutti caduti e fogliame.

foto presa da Google

Tartaruga delle Galapagos – Isole Galapagos

Spostiamoci invece alle isole Galapagos, patria delle tartarughe che hanno reso questo angolo di mondo un paradiso. La tartaruga delle Galapagos o tartaruga gigante delle Galapagos è una tartaruga della famiglia Testudinidae, endemica dell’arcipelago, che può raggiungere i 300 kg di peso e quasi due metri di lunghezza. L’aspettativa media di vita stimata di un esemplare di questa specie è di 150-200 anni: un vero museo a quattro zampe!

foto presa da Google

Jerboa – Arabia, Africa, Asia

Immaginate ora un piccolo topolino peloso di colore bianco-grigio, ma con delle enormi orecchie da Dumbo. Fatto? E’ il jerboa, roditore diffuso nelle zone aride e semiaride dell’ Arabia, Africa, Medio Oriente e Asia centrale. Ha zampette robuste sempre pronte a saltare, soprattutto nel deserto.

foto presa da Google

Wombat – Australia

Si riconosce dal naso peloso il wombat, piccolo marsupiale proveniente dall’Australia, ritenuto la specie più rara al mondo. Diffuso nelle regioni più fredde e più umide dell’Australia meridionale e orientale, vive anche nelle regioni montuose, spingendosi verso nord fino al Queensland meridionale; ancora più rara la sottospecie dello stretto di Bass che vive solamente sull’isola di Flinders, a nord della Tasmania. Nel 1996 la sua popolazione venne stimata sui 4000 esemplari e ancora oggi viene considerata vulnerabile dall’Environment Protection and Biodiversity Conservation Act del 1999.

foto presa da Google

Baiji – Cina

Sembra uscito da un film di fantascienza il baiji: si tratta di un delfino d’acqua dolce che popolava le acque del fiume Yangtze in Cina, caratterizzato da un lungo rostro leggermente all’insù. Dichiarato estinto nel 2006, è stato avvistato nuovamente il 30 agosto 2007. Chi ha avuto la fortuna di incontrarlo riferisce che ha un corpo tozzo delle dimensioni di un uomo.

foto presa da Google

Pipistrello delle Seychelles – Isole Seychelles

Si ritiene in via di estinzione (ne rimarrebbero solo 100 esemplari) il pipistrello delle Seychelles. Specie rarissima, vive nelle zone disabitate delle suddette isole, concentrati principalmente su Silhouette island. Le ragioni del suo declino non sono note. Si sospetta che l’introduzione  nell’isola del barbagianni “Tyto Alba” fosse il probabile responsabile di tale declino.

foto presa da Google

Rinoceronte di Giava – Indonesia

Anch’esso a rischio di estinzione, il rinoceronte di Giava è’ una delle tre specie di rinoceronti presenti in Asia, in particolare in Indonesia e in Vietnam dove sembra si dia estinto nel 2011. Del tutto simile al rinoceronte indiano, ha una lunghezza di circa 3 metri ed un peso che va da 1400 e 1600 kg. E’ dotato di un solo corno, molto corto (quasi 30 cm). Abita le foreste tropicali, all’estremità occidentale di Giava. Si tratta del rinoceronte a maggior rischio di estinzione  in assoluto: oggi ne restano 65-70 esemplari nel parco nazionale di Ujung Kulon.

foto presa da Google

Ghiro coda di topo – Turchia

Dulcis in fundo un altro animale rarissimo, sacro Graal di qualsiasi fotografo naturalista: il ghiro coda di topo sarebbe stato avvistato e fotografato in Turchia. Questo piccolo roditore – che si distingue dal ghiro classico (foto) per avere una coda sottile con poca peluria bianca nettamente divisa dal mando del corpo che è invece di colore rossastro – è stato classificato come “vulnerabile” nella lista rossa della International Union for Conservation of Nature.

foto presa da Google

In un periodo in cui i pericoli per il mondo animale non hanno limiti geografici, viaggiare per conoscere e imparare a rispettare specie rare e preziose può essere il modo migliore per essere cittadini del mondo e per dare una mano a quanti si adoperano per la conservazione della fauna.

Flixbus porta a bordo l’assistente “Ugo”, per i passeggeri con disabilità

LUGLIO 2018

Il servizio di assistenza da parte di un operatore per la salita e la discesa dai mezzi sarà attivato grazie alla partnership tra HelloUGO e Flixbus, per ora a Milano, Genova e Torino. Inoltre, fino a gennaio 2019, nelle tre città Flixbus sosterrà anche la spesa del servizio di accompagnamento da casa alla stazione

MILANO – Assistenza ai passeggeri con disabilità, al momento della salita e discesa dal pullman, per incrementare l’accessibilità dei mezzi: da oggi Flexibuls, la società di trasporto in autobus lowcost, avvia questo nuovo servizio grazie alla partnership con “Ugo”, startup a vocazione sociale che si occupa di accompagnamento di persone anziane, con disabilità o a ridotta mobilità.

Nelle città in cui attualmente opera UGO, ossia Milano, Torino e Genova, FlixBus metterà infatti gratuitamente a disposizione dei passeggeri disabili un operatore, appositamente specializzato e formato, che sarà presente alle fermate per assistere i passeggeri con disabilità nella salita e nella discesa dagli autobus e riporre in sicurezza il proprio mezzo ausiliario nel vano portabagagli, nel caso in cui per il viaggio prescelto non sia disponibile un autobus attrezzato al trasporto della sedia a rotelle nel vano passeggeri.

Inoltre, fino a gennaio 2019, nelle città di Milano, Torino e Genova, FlixBus sosterrà la spesa, per i passeggeri disabili che lo richiederanno, anche del servizio di accompagnamento dalla propria abitazione fino alla stazione di partenza o arrivo dell’autobus, assicurando un’assistenza completa durante tutto il tragitto, sia esso a piedi, coi mezzi pubblici o col supporto di una vettura.

“Da quando operiamo in Italia, il nostro impegno è stato focalizzato a garantire la possibilità di viaggiare a tutti – afferma Andrea Incondi, Managing Director di FlixBus Italia – Fin da subito abbiamo garantito il trasporto della carrozzina pieghevole nel vano bagagli e per i passeggeri disabili permanenti assicuriamo il viaggio gratuito dell’accompagnatore, in grado di assisterlo per tutta la durata del viaggio. Con questa partnership vogliamo aggiungere un ulteriore servizio per migliorare l’esperienza di viaggio delle persone disabili o a mobilità ridotta. Per il momento inizieremo nelle tre città in cui è attualmente attivo ‘Ugo’, ovvero Milano, Torino e Genova, ma contiamo di poter estendere il servizio in caso di risposta positiva da parte dei nostri passeggeri”.

“Viaggiare per necessità o svago e scoprire il mondo muovendosi in autonomia, comfort e sicurezza dovrebbe essere un diritto di tutti – dichiara Francesca Vidali, co-founder di Ugo – Accompagnare nelle attività quotidiane le persone anziane, disabili o con mobilità ridotta è la nostra missione, così come la tranquillità dei familiari di chi desidera muoversi in autonomia. Siamo lieti di poter contribuire, con questa collaborazione, a garantire a tutti la possibilità di spostarsi in modo sereno”.

Per poter usufruire del servizio sarà necessario acquistare il viaggio sul sito di Flixbus, dopo aver letto le informazioni per chi viaggia con uno strumento ausiliario alla mobilità nella sezione del sito dedicata. Occorrerà poi compilare, almeno 12 ore prima della partenza, l’apposito form sul sito Hello UGO e attendere la conferma della prenotazione via mail con tutti i dettagli dell’accompagnatore UGO.

Recentemente, la società Flixbus era stata condannata per condotta discriminatoriadal Tribunale di Roma per l’inaccessibilità dei suoi mezzi, a seguito della denuncia dell’associazione Coscioni. Alle accuse, l’azienda aveva replicato garantendo un crescete impegno nell’incremento dei servizi rivolti ai passeggeri con disabilità ed evidenziando quanto questo problema sia comune e diffuso nel sistema dei trasporti.

Articolo preso dal sito web www.redattoresociale.it

foto presa da Google

 

Inaugurata la prima spiaggia per disabili della Romagna nata dal sogno di un malato di sla „Inaugura la prima spiaggia per disabili della Romagna nata dal sogno di un malato di sla

Luglio 2018

Con il progetto “Tutti al mare. Nessuno escluso” si vuole regalare gli stessi momenti di gioia e normalità vissuti insieme a Dario a tante famiglie a cui spesso viene tolta ogni speranza.

Lunedì 30 luglio, alle 19, a Punta Marina Terme, nella zona di spiaggia libera tra il bagno Chicco Beach e il bagno Susanna, si terrà l’inaugurazione della struttura balneare “Tutti al mare. Nessuno escluso”, con il saluto di Michele de Pascale, sindaco di Ravenna e di Debora Donati, presidente dell’associazione “Insieme a te” di Faenza, che ha realizzato il progetto, per restituire alle persone malate di sla o con gravi disabilità la possibilità di fare un bagno in mare, attraverso un accesso facilitato e attrezzato con tutti gli ausili e i supporti necessari.

Il progetto, nato da una raccolta fondi, ha avuto il sostegno del Comune di Ravenna, di molte realtà di Punta Marina Terme e la collaborazione del Comune di Faenza e della Regione Emilia-Romagna, ma anche di tante persone e associazioni, che lo hanno condiviso. Con il progetto “Tutti al mare. Nessuno escluso”, unico in Emilia Romagna, si vuole regalare gli stessi momenti di gioia e normalità vissuti insieme a Dario a tante famiglie a cui spesso viene tolta ogni speranza. La struttura balneare e l’accesso facilitato al mare rimarranno aperti per tutto il mese di agosto, dalle 9 alle 19. Per ogni informazione si può contattare info@insiemeate.org  o telefonare al 3248255263.“

Articolo preso dal sito www.ravennatoday.it

foto presa da Google

 

 

I MUST HAVE DELL’ESTATE 2018: I MIGLIORI ACCESSORI DA VIAGGIO

Luglio 2018

LE PINNE (PROFESSIONALI) DA BAGAGLIO A MANO
Sono talmente geniali che è un peccato non averci pensato prima: le pinne Hot Shot sono progettate per chi viaggia e sono le più compatte, confortevoli e potenti pinne mai realizzata da Aqua Lung, marchio leader nel settore della subacquea. Soprattutto, della misura giusta per stare dentro il bagaglio a mano (la lunghezza totale per tutte le taglie è di soli 53 cm, il peso di 1,5 kg, prezzo: 89 €). La pala, realizzata con tecnopolimeri semi-rigidi ha un eccellente effetto elastico, che massimizza la potenza della pinneggiata, incorpora due robusti elastici in puro silicone che ottimizzano la potenza della pinneggiata e possono essere regolati durante l’immersione in funzione delle esigenze. La scarpetta flessibile è stata progettata per l’utilizzo a piede nudo ed il cinghiolo è autoadattante e privo di fibbie. Completano le pinne la maschera Reveal (per immersioni e di eccezionale qualità) e boccaglio Snorkel Zephyr con paraspruzzi con canale di scarico nella parte superiore del tubo per prevenire l’ingresso dell’acqua e boccaglio comfobite brevettato, che non richiede all’utilizzatore di stringere i denti (23 €).
Per saperne di più: www.aqualung.com/it

 

BAGAGLIO SEMPRE SOTTO CONTROLLO
Paura di perdere la propria valigia? Trakdot Luggage è un innovativo sistema di tracciamento bagagli che  informa sul luogo in cui si trova geolocalizzando la sua posizione via smartphone. Funziona con tutti i marchi di telefonini (un dispositivo per bagaglio) e può essere collegato a più telefonini, inoltre, si può localizzare il bagaglio anche comodamente online al sito www.trakdot.com (prezzo: 150 € circa).

foto presa da Amazon

 

 

 

 

 

 

 

 

LA BORSA ANTIPIEGHE PER CAMICIE
Si chiama Blumtal e mantiene le camicie (la borsa ne porta fino a 7, contemporaneamente) perfettamente stirate anche in viaggio. Misura 44 x 30 cm e ha una sagoma per piegatura e istruzioni: C’è una sagoma rigida rimovibile nella parte posteriore del prodotto, così la borsa non si deforma e protegge sempre i vestiti da pieghe e grinze (prezzo 14,99 €).

foto presa da Google

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L’ASCIUGAMANO IN PASTIGLIA
Misura solo 6,5 x 6,5 x 6,5 cm il piccolo cubo di Napkin con 4 creme viso idratante, un paio di tappi per orecchie, una mascherina notte in cotone. L’azienda è celebre anche per le compresse in pastiglie che sembrano caramelle e invece sono asciugamani. Possibile? Basta una goccia d’acqua per espanderne il contenuto, e aumentarne le dimensioni del 400%. Praticissimo, per chi ama viaggiare leggero (www.napkin.it)

foto presa da Google

LA MAPPA DA STRAPAZZARE
È la mappa che tutti sognano: soffice e indistruttibile. Per non impazzire nella ripiegatura, le Crumpled City sono fatte per essere maltrattate: leggere e resistenti all’acqua al 100%, hanno un indice dei monumenti e dei musei. Costano 12 euro (87×58 cm), mentre la variante iunior (più piccola) ne costa 10 (www.palomarweb.com/product/crumpled-city/)

foto presa da Google

LA LAVATRICE DA VIAGGIO
Andate in posti dove non troverete l’amatissima lavatrice? Nessun problema, perché esiste una variante tanto surreale quanto efficace del nostro elettrodomestico preferito: si tratta di un sacchetto pieghevole, al cui interno avviene la “magia”. Scrubba Washbag è una borsa per il lavaggio dei vestiti portatile, per viaggi, campeggio, escursionismo e per lavare la biancheria ovunque (prezzo: 48 €).

foto presa da Google

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LE APP DA SPIAGGIA O PER IL CAMPEGGIO
Playaya, per condividere l’ombrellone: un’app ideata da due giovanissimi torinesi che punta sulla condivisione dell’ombrellone sulle spiagge italiane. Se questo rimane libero in alcune ore della giornata, con quest’app puoi affittarlo grazie a sconti vantaggiosi e occuparlo mentre nessuno lo usa.
Yescapa, se sei una camping addicted: se le tue vacanze ideali hanno a che fare col glamping o il campeggio e se vuoi fare un’esperienza in camper on the road insieme alle tue amiche, allora Yescapa è il servizio che fa per te, perché ti mette in contatto con chi ha a disposizione un camper per l’affitto veloce e sicuro!

Articolo preso dal sito web https://viaggi.corriere.ithttps://viaggi.corriere.it

NOVITA’ IN VIAGGIO: NON PERDERE LE PIU’ BELLE DEL 2018

Luglio 2018

Ma in fondo in fondo, che cosa davvero decide della destinazione che le persone scelgono per i loro viaggi & vacanze? Qual è il fattore cruciale? I sogni? Le passioni? La curiosità? Quel che se ne legge? La voglia di evadere? Il budget? I suoceri?

Ah, saperlo! E infatti c’è forse anche questo interrogativo nascosto nelle menti dei redattori di “Best in Travel 2018”, il volume che, puntuale, Lonely Planet presenta domani a Roma. Non una “bibbia” e neppure un vangelo (lo scorso anno lo avevamo definito così, pardon), piuttosto un bel libretto (208 pagine, 14,50 euro) ricco di idee e di spunti, alcuni anche un po’ stravaganti ma la maggior parte miele per le labbra di chi ama viaggiare.

La Stampa.it ha potuto dare un’occhiata in anteprima al volume e l’attenzione, più che dalle classifiche — di cui vi diremo poi — è stata attirata dal capitoletto di quattro pagine intitolato semplicemente “Le novità più belle”. “Credete di aver visto tutto?” recita il capoverso introduttivo. Ma figuriamoci!, diciamo noi con voi; ed eccoci quindi a pescare tra le 10 “cose più notevoli” che secondo i redattori del volume il 2018 riserverà ai viaggiatori, per ricompilare una nostra personalissima classifica.

Al primo posto secondo noi c’è il nuovo volo che dall’Argentina in 90 minuti — e senza l’inevitabile mal di mare da Capo Horn e dintorni — permetterà di sbarcare in Antartide. La compagnia aerea LADE aprirà infatti voli commerciali da Ushuaia alla base Marambio, che sarà attrezzata per accogliere i turisti. Secondo posto per un’altra avventura tra mare e terra davvero esclusiva: viaggio di otto giorni da Terranova e immersione in sommergibile a 4mila metri di profondità per esplorare il relitto del Titanic; posti, ovviamente, limitatissimi. Sul podio anche il “turismo ninja in Giappone”: tour organizzati tra luoghi sacri e scuole di questa disciplina e ninja academy per potersi diplomare.

Vessel, NY. Foto presa da Google

Ora tocca a quattro capitali del turismo globale. A Parigi in aprile verrà inaugurato l’atelier des Lumières, 2mila mq in una ex fonderia in cui ogni anno una mostra immersiva permetterà di “entrare” nelle opere di un grande artista. Sembrerà, invece, di entrare in un’opera di Escher a New York dove in autunno sarà aperta al pubblico Vessel, un’installazione in rame alta 45 metri formata da 154 rampe di scale inanellate per uno sviluppo di oltre un chilometro e mezzo. La troverete a Hudson Yards.

Londra aprirà una sede staccata della famosa Science Gallery di Dublino e proprio nella capitale irlandese l’autunno 2018 vedrà una novità importante per gli appassionati di letteratura; si tratta dell’Ulysses Centre, naturalmente dedicato a Joyce ma altrettanto naturalmente dotato delle più moderne tecnologie per un viaggio in tutta la letteratura dell’isola di smeraldo.

Dalla letteratura al cinema in quel di Nashville, Tennessee, Usa; qui si sta allestendo un mini parco a tema che riprodurrà un drive in sotto le stelle con tanto di frinire di cicale e di grilli. Ci si siederà in un’auto anni Sessanta e ci si godrà un film con la possibilità, dicono, di interagire anche con attori in carne e ossa.

Abbiamo iniziato parlando di voli, ecco un’altra novità 2018 dall’alto dei cieli: è il nuovo volo Londra – Perth proposto da Qantas da marzo. Sarà uno dei più lunghi del mondo (17 ore) e il primo a collegare direttamente Australia ed Europa. La Stampa ne ha già parlato ampiamente qui.

Ocean Cay Marine Reserve, Bahamas. Foto presa da Google

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Infine una nota italiana. Alle Bahamas, la Ocean Cay Marine Reserve è un sito industriale trasformato in riserva marina e isola privata da MSC Crociere. Solo i passeggeri delle navi della compagnia potranno godere delle bellezze e dei servizi dell’isola, un mix tra natura e tecnologie digitali.

Terminato l’elenco delle novità più belle, quasi dimenticavamo le classifiche che ogni anno Best in Travel stila per indicare le destinazioni top, rispettivamente per Paesi, regioni e città. Ecco i podi. Per i Paesi: Cile, Corea del Sud, Portogallo. Regioni: Belfast e la Causeway Coast, Alaska, Alpi Giulie (Slovenia). Le top città 2018 secondo Lonely Planet saranno Siviglia, Detroit e Canberra. E l’Italia? Al 7° posto c’è Matera, da visitare mentre si prepara ad essere capitale europea della cultura per il 2019.

Articolo preso dal sito web www.lastampa.it

 

“IL LIDO LA FENICE È ACCESSIBILE A TUTTI”: A RIBADIRLO SONO I VIP

Luglio 2018

foto presa da Google

La consegna del “Premio Fabrizio Frizzi” a favore di Daniela Rullo, presidente della cooperativa “La Fenice” Onlus, è avvenuta, secondo quanto è stato annunciato dal portale milazzo.it, il 6 luglio scorso a #Vulcano, isola situata nell’arcipelago delle #Eolie. Daniela Rullo ha ricevuto tale riconoscimento per aver messo in piedi nel 2007 uno stabilimento balneare senza barriere a #Milazzo in provincia di#Messina.

Questa edizione del premio è stata dedicata a Fabrizio Frizzi”, amatissimo conduttore televisivo, perché quest’ultimo 8 anni fa aveva partecipato alla prima edizione di questa iniziativa per festeggiare il compimento del primo anno della cooperativa. E’ inoltre importante sottolineare che l’intera manifestazione chiamata “Premio della solidarietà”, quest’anno è stata condotta dal giornalista del Tg2#FabrizioFrullani, il quale ha consegnato l’omonimo premio anche a personaggi provenienti dal mondo dello spettacolo, dello sport e del giornalismo. In tal senso non si può fare a meno di non citare alcuni dei volti noti più amati dal pubblico come, ad esempio,Marco Morandi (figlio di Gianni morandi) e Fabio Troiano, attore protagonista di diverse note serie tv. Naturalmente in questa occasione non è mancata la presenza illustre di Maria Grazia Cucinotta, madrina da tre anni della cooperativa “La Fenice” la quale, con la sua testimonianza, nel corso degli anni ha dato particolare rilevanza a un evento di tale portata, infine #GianlucaGiugliarelli, comico di Zelig e Colorado Cafè, che ha animato la serata facendo divertire i presenti.

È evidente che questa manifestazione di solidarietà è stata organizzata al fine di onorare tutte quelle persone che hanno contribuito economicamente e moralmente a migliorare, almeno in parte, la realtà di coloro che hanno delle Disabilità. Naturalmente la maggior parte dei meriti va riconosciuta a Daniela Rullo, che edificando nel 2007 il lido “La Fenice” senza barriere architettoniche, ha dato l’opportunità a tutti di godersi delle vacanze in totale relax. Ed è proprio per queste ragioni che tale stabilimento balneare è diventato un punto di riferimento non solo per i turisti con disabilità, ma anche per i cittadini del posto poiché è risaputo che nella nostra penisola ci sono poche strutture in grado di accogliere bagnanti con difficoltà motorie.

 

foto presa da Google

Decidere di progettare una location estiva accessibile a tutti, è stata motivata dal fatto che Daniela Rullo ha vissuto in carrozzina per diverso tempo: ”sperimentando in prima persona le enormi difficoltà nel destreggiarsi con le barriere architettoniche nella vita quotidiana, ho deciso (insieme a numerosi amici con disabilità e non) di realizzare questo lido accessibile, permettendo soprattutto a chiunque di non dover compiere delle imprese anche solo per raggiungere il bagnasciuga”. Ovviamente in collaborazione con mio staff, cerco sempre di organizzare delle attività ludiche per spronare i bagnanti a conoscersi ma, soprattutto, aiuto i più temerari ad entrare in contatto con la realtà della disabilità senza timori e pregiudizi.

Dalle dichiarazioni della Presidente de’ La Fenice emerge chiaramente che tale struttura balneare rappresenta una vera e propria piccola realtà inclusiva; al suo interno infatti vengono organizzate, durante la stagione estiva, numerose iniziative. A tal proposito il 3 giugno, in occasione della giornata nazionale dello #Sport, in collaborazione con il Coni ed il Cip (Comitato Italiano Paralimpico), è stata realizzata una manifestazione a cui sono intervenuti diversi campioni dello sport paralimpico, i quali hanno dato la possibilità a tutti di cimentarsi in qualche disciplina. Alla serata erano presenti anche alcuni ragazzi della cooperativa tra cui Federica BambaciGiuseppe Scibilia e Roberta Macrì (nota ballerina in carrozzina) che con la loro testimonianza, hanno permesso di far conoscere al pubblico tutte le attività che vengono svolte all’interno della struttura.

Il coinvolgimento di personaggi del mondo dello spettacolo da parte della Presidentessa della Cooperativa “La Fenice”, oltre a divulgare della buona cultura sulla disabilità, permette di attirare l’attenzione dell’opinione pubblica così da favorire una maggior conoscenza del mondo della disabilità e sensibilzzarne l’approccio e le relazioni, che poi si possono tradurre in scelte politiche a favore dell’abbattimento delle barriere architettoniche e culturali nonché di una maggiore e più facile mobilità per tutti.
Andrea De Chiara

https://www.disabiliabili.net/storie-e-sentimenti/il-lido-la-fenice-accessibile-a-tutti-a-ribadirlo-sono-i-vip

Trasporto aereo: Air Transat eletta Miglior compagnia per viaggi vacanze

Luglio 2018

Roma, 18 lug. (Labitalia) – “Air Transat, compagnia aerea canadese leader del settore, è orgogliosa di essere stata eletta ‘Miglior compagnia aerea del mondo per i viaggi vacanze’ all’evento Skytrax World Airline Awards”. E’ quanto si legge in una nota dell’azienda. Jean-François Lemay, presidente e direttore generale della compagnia, era presente a Londra per ritirare il premio alla cerimonia ufficiale. Ogni anno, circa 20 milioni di viaggiatori provenienti da tutto il mondo scelgono i vincitori partecipando a un sondaggio sulla soddisfazione dei passeggeri su scala globale, un benchmark mondiale dell’eccellenza delle compagnie aeree.
“Essersi classificati come ‘Migliore compagnia aerea per i viaggi vacanze’ del mondo è un onore di cui siamo estremamente orgogliosi, dal momento che il riconoscimento ci è stato assegnato dai nostri passeggeri”, ha dichiarato Jean-François Lemay.
“Questo onore va esteso a tutti i nostri dipendenti, il cui impegno, servizio di qualità e attività impeccabile assicurano ai nostri passeggeri un’esperienza di viaggio piacevole e indimenticabile, che inizia già non appena salgono a bordo. Air Transat è davvero fiera di essere stata eletta tra le migliori linee aeree per i viaggi vacanze per sette anni consecutivi e di avere conquistato il primo posto della classifica per la seconda volta nella sua carriera. Rinnovo la profonda gratitudine ai nostri passeggeri per la fiducia che ci hanno accordato”, ha sottolineato.
“Air Transat organizza voli in più di 60 destinazioni in 26 paesi. Offre numerosi vantaggi per un’eccezionale esperienza di volo. In primo luogo è disponibile la Club Class, con la cabina esclusiva e il servizio con priorità in ogni singolo passo, per non parlare dei numerosi privilegi in volo, come il menu dello chef Daniel Vézina. I passeggeri in classe Economy possono concedersi la Option Plus. I vantaggi includono, tra gli altri, un bagaglio aggiuntivo in stiva e la scelta del posto. Air Transat ha a cuore anche i suoi viaggiatori più giovani. Il Kids Club offre ai bambini tra 2 e 11 anni e le loro famiglie una gamma di benefici gratuiti, tra cui la priorità al check-in e all’imbarco, oltre a sorprese distribuite a bordo”, ricorda la nota della compagnia.
“Il comfort della cabina, i pasti caldi gratuiti sui voli transatlantici, anche in classe Economy, il sistema di intrattenimento personale accessibile su touch screen individuali dell’app per dispositivi mobili di Air Transat, così come un equipaggio pieno di premure, sono solo alcuni motivi che rendono così piacevole volare con Air Transat”, aggiunge.
“L’evento World Airline Awards è stato organizzato la prima volta nel 1999 quando Skytrax ha lanciato il primo sondaggio globale di soddisfazione del passeggero. L’indagine raccoglie le opinioni dei viaggiatori di 320 compagnie aeree per un periodo di 10 mesi e in 105 paesi. Le compagnie aeree sono classificate secondo i criteri 50, dal check-in e imbarco al servizio del personale e al comfort del sedile. Il sondaggio di quest’anno ha coinvolto più di 20 milioni di passeggeri”, conclude.

Articolo preso dal sito web

foto presa da Google

Le 6 tratte più veloci in treno che in aereo

Luglio 2018

Prima di prendere in considerazione queste soluzioni consiglio di verificare l’accessibilità dei treni di queste tratte.

L’aereo è il mezzo più veloce per viaggiare, si sa, ma raggiungere l’aeroporto, passare i controlli di sicurezza, prepararsi al gate d’imbarco in anticipo, ritirare il bagaglio all’arrivo sono tutte operazioni che richiedono tempo. Ecco allora che un volo di un’ora in realtà occupa metà della vostra giornata.

Il sito goeuro.it ha confrontato 6 tratte tra le più frequentate dai viaggiatori e ha dimostrato che, spesso, l’aereo non è la soluzione migliore. In questi casi il treno è anche più veloce. Non ci credete?

Ecco le prove:

Bruxelles – Parigi
Volare da Bruxelles a Parigi richiede solo 1 ora e 30 minuti, ma considerando i tempi di attesa e i controlli di sicurezza in aeroporto, il mezzo di trasporto più veloce è il treno, che prevede collegamenti diretti e frequenti durante tutto il giorno.
Treno: 1,22 ore
Aereo: 5,30 ore
Ore risparmiate: 4,08 ore

Londra – Parigi
La capitale del Regno Unito e la capitale francese sono distanti poco più di 2 ore di viaggio. Il mezzo più veloce sono i treni diretti Eurostar che partono dalla St. Pancras Station e arrivano a Parigi Gare du Nord durante tutto l’arco della giornata. Volare da Londra a Parigi richiede circa 4 ore considerando i tempi di attesa e i controlli di sicurezza in aeroporto.
Treno: 2,16 ore
Aereo: 3,57 ore
Ore risparmiate: 1,41 ore

Barcellona – Madrid
Barcellona e la capitale spagnola sono distanti 2 ore e 30 minuti. Viaggiare in treno è l’opzione più veloce grazie ai frequenti treni ad alta velocità AVE di Renfe che offrono partenze frequenti e durante tutto il giorno. In aereo da Barcellona a Madrid ci vogliono circa 3 ore e mezza.
Treno: 2,30 ore
Aereo: 3,35 ore
Ore risparmiate: 1,05 ore

Düsseldorf – Amsterdam
Düsseldorf e la capitale olandese sono distanti circa 2 ore. Viaggiare in treno è l’opzione più veloce grazie ai frequenti treni in partenza a tutte le ore del giorno. In aereo da Düsseldorf all’aeroporto di Amsterdam Schiphol ci vogliono oltre 3 ore e considerando.
Treno: 2,13 ore
Aereo: 3,10 ore
Ore risparmiate: 0,57 ore

Parigi – Amsterdam
Per andare da Parigi ad Amsterdam in treno ci vogliono circa 3 ore e 30 minuti, mentre volando ce ne vogliono circa quattro.
Treno: 3,26 ore
Aereo: 4,05 ore
Ore risparmiate: 0,39 ore

Roma – Milano
Il tragitto in treno tra la Città eterna e il Capoluogo lombardo dura circa 3 ore. Il treno è il mezzo più comodo e veloce con i treni non stop ad alta velocità di Trenitalia e Italotreno, che partono ogni ora e durante tutta la giornata. I voli da Roma a Milano richiedono poco meno di 4 ore considerando i tempi di attesa e i controlli di sicurezza in aeroporto.
Treno: 2,51 ore
Aereo: 3,50 ore
Ore risparmiate: 0,59 ore

foto presa da Google

Articolo preso dal sito web www.siviaggia.it