Category Archives: Momenti

E’ ACCESSIBILE LA “TREETOP WALK” IN SVIZZERA, LA SPETTACOLARE PASSEGGIATA SUGLI ALBERI NELLE COLLINE DEL CANTON SAN GALLO

Giugno 2018

Treetop walk in Svizzera, ossia come passeggiare in cima ad una vetta e avere sotto alberi boschi e vallate. Qui, a Mogelsberg, tra le verdi colline del Canton San Gallo, è stato appena inaugurato proprio il primo treetop walk svizzero. Una camminata sospesa tra gli alberi, guardando il mondo da tutt’altro punto di vista.

Il percorso – accessibile ai disabili e ai bimbi su passeggino – si snoda per 500 metri dolcemente dal suolo della foresta verso le cime degli alberi: un’esperienza naturale unica in cui si è praticamente immersi nella flora e nella fauna di una delle zone più belle della Svizzera.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dopo il ponte pedonale sospeso più lungo al mondo, questo Paese non smette di stupirci con le sue passeggiate nel bel mezzo di un verde strepitoso, dove un hi-tech assolutamente compatibile con la natura offre ora una passeggiata su una comoda e ampia pedana in legno.

Circa 40 fermate invitano a scoprire gli alberi, ad ascoltare i suoni della foresta, ad osservare gli animali del bosco o semplicemente a rilassarsi. E, se per le famiglie può essere più adatto il sentiero Necki, un itinerario circolare diviso in quattro tappe che porta attraverso prati e boschi, ponti e ciclabili, tra ruscelli e rapide, i più temerari possono anche arrampicarsi su una piattaforma panoramica alta 50 metri, da cui godere di una vista mozzafiato di tutta la valle Neckertal fino a Churfirsten e Appenzellerland.

E non finisce qui: tutt’attorno al sentiero ci sono anche strutture per la ricreazione e il relax, e poi un percorso fitness, una capanna di tronchi, un percorso avventura nel bosco, aree barbecue, aree di sosta, un parco giochi per bambini e un laghetto naturale da sogno.

Il sentiero Treetop Neckertal offre, infine, un parcheggio per sedie a rotelle, con ulteriori posti auto a 15/30 minuti a piedi. Per i visitatori che arrivano con i mezzi pubblici, una passeggiata di 40 minuti conduce direttamente dalla stazione ferroviaria di Mogelsberg a Steinwäldli.

Qui trovate tutte le informazioni.

Articolo preso dal sito web www.greenme.it

STRING BOX, IL COFANETTO DI VIAGGI PER DISABILI

Giugno 2018

Nato da un partenariato europeo che ha vinto un bando Ue, è supportato da Fondazione Crt e Regione Piemonte per l’Italia, da EFC European Foundation Centre per il Belgio, Fondacion Once per la Spagna e Sozopol Foundation per la Bulgaria. Alla sua realizzazione hanno partecipato 6 tour operator specializzati in turismo accessibile: Akita Tour  per l’Italia, Dena Travel in Spagna, Sozopol-Tour in Bulgaria, Accessible Portugal per il Portogallo, Weitsprung-reisen per la Germania e ChrisTravel in Danimarca.

Il cofanetto, per ora disponibile su 3 destinazioni, Piemonte, Avila in Spagna e Sozopol in Bulgaria, presenta soluzioni di tour enogastronomici, attività all’aria aperta e visite culturali ‘for all’, fornendo un nuovo strumento in grado di rendere i viaggiatori con disabilità finalmente autonomi nel pieno rispetto delle pari opportunità.

La vendita dello String Box sarà inoltre caratterizzata da una iniziativa di welfare generativo.

Chi lo acquisterà per regalarlo potrà, infatti, richiedere che il 20 per cento del valore dello stesso venga devoluto al sostegno di un’associazione che operi nel campo dei diritti per le persone con disabilità ed esigenze specifiche.

Articolo preso dal sito www.ttgitalia.com

Axa lancia Fizzy, acquistabile su web e da mobile, indennizza in automatico in caso di ritardo del volo. Attualmente copre oltre 800.000 voli

Giugno 2018

Axa rivoluziona l’esperienza cliente nel mercato italiano con Fizzy, assicurazione viaggio acquistabile su web e da mobile che indennizza in automatico in caso di ritardo del volo. Se il volo ha più di due ore di ritardo, il cliente viene indennizzato in maniera immediata e automatica. Il tutto con la garanzia della tecnologia blockchain, che assicura l’inviolabilità dei dati e consente di calcolare l’entità del rimborso in anticipo in tutta sicurezza e trasparenza.

Nessun modulo da compilare e nessuna trafila burocratica o tempi di attesa stressanti: il volo viene rimborsato non appena l’aereo atterra. Totale sicurezza e trasparenza, inoltre, grazie all’innovativa combinazione di assicurazione parametrica e tecnologia blockchain, che assicurano l’inviolabilità di dati e contratti e di conoscere in anteprima l’entità del rimborso.

La portata rivoluzionaria è anche nella totale assenza di esclusioni assicurative: l’indennizzo non dipende dalla motivazione del ritardo, sia che si tratti di condizioni metereologiche, di guasti agli aeromobili o problematiche aeroportuali.

“Axa Italia mette di nuovo la tecnologia al servizio del cliente: con Fizzy lanciamo la prima assicurazione viaggio al mondo basata su tecnologia blockchain, semplice, automatica, trasparente, sicura e immediata. Vogliamo portare i nostri clienti in un mondo più accessibile e più veloce, grazie al rilascio continuo di innovazioni concrete e di valore, al pari delle aziende della new economy – ha dichiarato Patrick Cohen, ceo del Gruppo Axa Italia -. Fizzy fa tutto da sola, è talmente semplice da utilizzare da non aver bisogno nemmeno di un touch per attivarsi”.

L’utente potrà acquistare la polizza tramite il sito https://fizzy.axa seguendo le istruzioni, in qualsiasi momento entro il limite di 15 giorni prima della partenza del volo. Da quel momento la polizza viene registrata su un circuito immutabile basato sul sistema blockchain Ethereum, che crea un “contratto intelligente” e che dopo aver memorizzato i dati gestisce autonomamente i pagamenti, garantendo sicurezza, trasparenza e immediatezza, in quanto l’indennizzo dei costi del volo viene effettuato automaticamente non appena il sistema registra il ritardo.

Fizzy è un’assicurazione parametrica, dal momento che il costo della polizza si basa su un parametro, e nello specifico dati storici dei voli aerei degli ultimi 7 anni, attraverso l’utilizzo di algoritmi che agiscono tenendo conto di variabili quali il giorno del volo, l’orario o l’aeroporto di partenza.
Attualmente la polizza copre le principali tratte europee e internazionali da e verso gli aeroporti di Milano Linate, Milano Malpensa, Bergamo Orio Al Serio, Roma Fiumicino e Roma Ciampino e copre attualmente oltre 800.000 voli.

Articolo preso dal sito www.guidaviaggi.it 

VOI SCEGLIETE DI ANDARE IN VACANZA IN BASE AL CIBO? IO NO!

Giugno 2018

Dimmi cosa mangi e ti dirò che viaggiatore sei: secondo una ricerca 6 turisti su 10 scelgono la loro meta in base alla cucina del luogo

Relax, avventura, spiagge, arte, sport: i classici ingredienti che entrano nel frullatore quando dobbiamo decidere dove andare in vacanza, ognuno in base ai suoi gusti. Ma ce n’è un altro che sta diventando sempre più importante per i turisti, e non si tratta certo di una sorpresa: il cibo locale. Lo conferma un sondaggio del portale Booking.com, che ha raccolto indicazioni e preferenze di oltre 50mila viaggiatori di tutto il mondo.

QUANTO CONTA IL CIBO NEL VIAGGIO 
È emerso che per il 61% dei viaggiatori la qualità dell’offerta gastronomica è un fattore decisivo nella scelta della meta: il cibo è considerato sempre di più una componente fondamentale della vacanza e non un semplice “companatico”, tanto da far pendere l’ago della bilancia in favore di una località piuttosto che un’altra. Anzi, il 34% (nei millennial si sale al 40%) ha in programma un viaggio incentrato specificamente sul cibo. Cresce anche la voglia di sperimentare tradizioni e sapori diversi: il 49% (e il 60% dei millennial) ha intenzione di avere un approccio alle cucine locali più avventuroso nei suoi viaggi del 2018. Il 64% ha dichiarato che in vacanza mangerà più piatti tipici di quanto faceva in passato.

I CONSIGLI FOOD DI BOOKING 
Partendo dalle recensioni sul suo sito, Booking ha individuato alcune delle mete più gettonate e interessanti per chi desidera andare alla scoperta di nuove esperienze gastronomiche. Va forte l’Asia: Ipoh in Malesia, Kaohsiung a Taiwan, Nagoya in Giappone, Johor Bahru in Malesia, Ho Chi Minh in Vietnam. In Europa ecco Catania, Sarajevo, Belgrado e Colmar (Francia), in Sud America invece João Pessoa in Brasile e Lima in Perù.

Per lo street food (di cui andrà a caccia il 51% dei turisti del sondaggio), i consigli segnalano Jeonju in Corea del Sud, Hsinchu a Taiwan, Marrakech in Marocco, New York e Città del Messico. Categoria emergente, infine, i food truck: le città su cui puntare sono Portland, San Paolo, Istanbul, Seul e Bangkok.

Articolo preso dal sito www.quotidiano.net

UlisseFest: a Rimini il festival dei grandi viaggiatori

Giugno 2018

Dall’8 al 10 giugno Rimini ospita il festival di Lonely Planet: 60 incontri in 3 giorni per parlare di viaggi con grandi viaggiatori. Ecco cosa si fa e perché non perderselo

Si parlerà di cammini, viaggi slow o estremi tra montagne, mari e ghiacciai, viaggi in bicicletta, scrittura di viaggio, viaggi in solitaria o in compagnia, durante reading, proiezioni cinematografiche, ma anche concerti, spettacoli: in tutto 60 incontri con 120 ospiti in tre giorni. Accadrà all’Ulisse Fest, il festival di viaggio di Lonely Planet, che dall’8 al 10 giugno sarà a Rimini, nel cuore dell’Emilia Romagna che la stessa Lonely Planet ha appena eletto prima meta di viaggio in Europa di quest’anno.

Il tema di quest’anno è Al di là del mare, inteso come invito ad allargare i propri orizzonti, a comprendere a fondo il viaggio dei migranti che al di là del mare cercano la vita, ma anche un omaggio alla Rimini romana e rinascimentale che oltre alle spiagge che l’hanno resa capitale turistica, è una città carica di storia e di luoghi di grande bellezza , molti dei quali legati al suo cittadino più celebre: Federico Fellini.

GLI OSPITI
Come il Grand Hotel che quest’anno compie i 110 anni, e il cinema Fulgorappena ristrutturato con un progetto del premio Oscar Dante Ferretti: saranno tra i luoghi clou del festival, e le sale del cinema dove Fellini imparò ad amare il cinema ospiteranno uno degli incontri con i protagonisti più attesi di questa seconda edizione dell’Ulisse Fest. Si tratta di Tony Wheeler, il mitico fondatore di Lonely Planet che, ispirato da un trekking lungo la hippie trail nel 1972, pensò a una guida di viaggio fatta da viaggiatori, per esplorare il mondo per capire il mondo. Sarà protagonista di un incontro la sera del 9 giugno durante il quale gli autori italiani delle guide di Lonely Planet gli chiederanno tutto quello che tutti noi vorremmo sapere da lui, il più grande viaggiatore vivente.

Tanti gli ospiti di primo piano: per esempio lo scrittore Niccolò Ammaniti che racconterà l’esperienza che lo ha portato a vestire i panni del documentarista e a portare sullo schermo, nel documentario The Good Life, le vite di italiani che hanno ritrovato se stessi lungo il Gange, Lara Gilmore che racconterà l’esperienza della onlus Food for Soul per valorizzare il buono nel mondo che ha fondato con suo marito Massimo Bottura, il documentarista e motociclista Emerson Gattafoni che svelerà storie avventurose, lo scrittore Paolo Giordanoche parlerà del suo ultimo libro Divorare il Cielo, lo scrittore e giornalista scientifico James Nestor che condurrà in un viaggio negli abissi marini.

E per chi vuole imparare a raccontare il viaggio, ci saranno anche diversi workshop: laboratori di scrittura (uno dei quali con Giuseppe Culicchia, in collaborazione con la Scuola Holden), fotografia e carnet de voyage. I workshop sono gli unici appuntamenti a pagamento (e su prenotazione), insieme allo spettacolo finale Da questa parte del mare di Giuseppe Cederna tratto dal libro omonimo di Gianmaria Testa: un grande racconto dei nostri ultimi vent’anni per storie e canzoni attraverso le migrazioni umane.

LA FESTA
E poi tanto cinema con, tra gli altri, il film Wim Wenders e Juliano Ribeiro Salgado Il sale della terra, dedicato al grande fotografo brasiliano, e musica con i concerti del siriano Omar Souleyman, e la brasa band di Boban Marković Orkestar, e dj set che animeranno il lungomare dalle 7 di sera fino a tarda notte. Per il programma completo cliccate su www.ulissefest.it.

Articolo preso dal sito www.vanityfair.it

 

Turismo accessibile, sei mete per tutti

Maggio 2018

Sono 10 milioni solo in Italia, sono i viaggiatori con esigenze speciali che scelgono di viaggiare. Turisti con disabilità che chiedono ai tour operatori destinazioni più o meno insolite: dalle spiagge incontaminate allo sci d’alta quota, dalla visita alle città d’arte agli sport estremi

Turismo accessibile, una definizione coniata recentemente per delineare un turismo indirizzato verso viaggiatori con esigenze speciali: persone con disabilità motorie (croniche o temporanee) sensoriali, intellettive e relazionali. Secondo alcune stime in Europa si parla di circa 60 milioni (i numeri variano a seconda dei Paesi a causa dei differenti metodi di catalogazione), la metà dei quali potenziali turisti.

Ognuno di loro solitamente si muove con un accompagnatore o con la famiglia, così da far lievitare il dato fino a 100 milioni, per un indotto stimato di circa 166 miliardi di euro annui. Secondo i dati dell’istituto Doxa (luglio 2015), il mercato del turismo accessibile italiano coinvolge, oggi, 10 milioni di persone, quasi il 16,4 per cento delle famiglie in Italia. Un dato “allargato” che comprende chiunque abbia particolari esigenze in vacanza, dagli ammalati cronici agli anziani: il giro d’affari, secondo le stime, è di 27,8 miliardi di euro. Ma, sempre secondo la ricerca, generalmente le richieste di questi turisti rimangono in gran parte inevase.

Una situazione a cui il Ministero della cultura e del turismo (Mibac) sta cercando di porre rimedio attraverso la commissione per la promozione e il sostegno al turismo accessibile, di cui è presidente Flavia Coccia. “Stiamo lavorando sulla nuova classificazione delle strutture alberghiere”, spiega la presidente. “Ogni albergo per poter accedere alla classificazione da 1 a 5 stelle dovrà rispondere a 10 domande riguardanti i servizi alle persone con disabilità: gli obblighi di legge diamo per scontato che siano stati assolti”. Un’azione culturale che comprende la formazione del personale e la presa di coscienza di problematiche specifiche. “Inoltre la commissione sta stilando alcune linee guida sul turismo accessibile da inserire nel piano strategico che il Mibac dovrebbe pubblicare a luglio”.

 

 

Ma non solo sono sempre di più i tour operator che si specializzano anche in questa “fetta di mercato” proponendo desitazioni in Europa, ma anche all’estero come Stati Uniti, Canada, Brasile e tanta, tanta, AfricaScoprite con noi sei mete particolarmente accessibili

Articolo preso dal sito https://viaggi.corriere.it

Riprende lo storico collegamento Napoli-Isole Eolie, promozione speciale!

Maggio 2018

Dal 31 maggio e fino al 9 settembre SNAV riprenderà lo storico collegamento tra Napoli e le Isole Eolie che, grazie ai mezzi veloci, consente una traversata di sole 4 ore e mezza da Mergellina. Per il lancio del servizio SNAV ha riservato un’altra delle sue promozioni Speciali: dal 28 maggio al 29 maggio viaggio in poltrona a solo 1€ di quota trasporto, (escluso supplementi e i diritti). L’acquisto potrà essere fatto sul sito SNAV oppure tramite il call center, attivo tutti i giorni dalle ore 8 alle ore 21, al numero 081.4285.555, ovvero presso la propria agenzia di viaggi. Il codice da utilizzare è EOLIE2018.

Questo collegamento è oramai un pilastro della rete SNAV, che da oltre 40 anni rinnova il nostro impegno sul territorio e per la città di Napoli” riferisce il Com.te Aiello, Amministrato Delegato di SNAV.

Articolo preso dal sito www.meteoweb.eu

Aggiunte su Airbnb 21 nuove opzioni di accessibilità pensate per rendere più semplice la ricerca dell’alloggio perfetto alle persone con disabilità

Maggio 2018

Airbnb, nuove funzioni per viaggiatori disabili

Airbnb è nel bel mezzo di una serie di modifiche al suo servizio, con l’ultima appena annunciata che ha lo scopo di rendere più facile per le persone con disabilità trovare alloggi accessibili per viaggiare e riposare in tutto il mondo.

Finora, gli ospiti su Airbnb erano in grado di cercare una stanza o un appartamento solo e soltanto tramite una opzione, “accessibili per sedie a rotelle”, che non rispondeva sempre alle esigenze individuali dei viaggiatori. Ecco perché adesso la piattaforma ha deciso di rilasciare 21 nuovi filtri di accessibilità, che hanno l’obiettivo di rendere più facile per gli ospiti con disabilità di trovare sistemazioni di viaggio ideali per ogni specifica esigenza, qua e là nel globo.

In futuro, Airbnb collaborerà con la propria comunità di ospiti per garantire che i nuovi filtri offrano informazioni il più possibile utili e accurate, con l’obiettivo di migliorare ed espandere ulteriormente tali filtri per garantire il supporto a quanti più viaggiatori possibile. Ha infatti dichiarato Srnin Madipalli, che in Airbnb si occupa di gestire l’aspetto dell’accessibilità:

L’introduzione delle nuove funzionalità e filtri di accessibilità a tutti gli host e gli ospiti è solo la prima tappa del nostro viaggio per migliorare l’accessibilità su Airbnb. Incoraggiamo tutti a usarli e inviare attraverso il loro feedback.

Articolo preso dal sito www.webnews.it

La valigia robot che ti segue da sola

Maggio 2018

Questa nuova invenzione sarà utilissima per noi viaggiatori disabili. Ma anche per molti altri viaggiatori.

Articolo preso dal sito www.focus.it

Un’azienda israeliana ha realizzato il sogno di milioni di viaggiatori: un trolley robot che segue il proprietario in completa autonomia.

Valigie pesanti addio: è la promessa di Alex Libman, il fondatore di NUA Robotics, l’azienda israeliana che ha messo a punto la prima valigia robotizzata in grado di seguire il proprietario in completa autonomia, proprio come un cagnolino fedele.

La valigia si collega via bluetooth allo smartphone del viaggiatore: grazie a questo guinzaglio elettronico e a una telecamera riesce a sapere in ogni instante dove si trova il proprietario per seguirlo (ma anche precederlo o muoversi al suo fianco) a distanza ravvicinata, almeno sulle superfici pianeggianti.

BAGAGLIO AL SEGUITO Il primo prototipo di questo curioso oggetto non è certo una perla di desing ma offre comunque una serie di funzionalità decisamente interessanti. Il robo-trolley infatti, oltre a seguire il proprietario, è in grado di evitare gli ostacoli ed è dotato di una potente sirena che suona se un malintenzionato cerca di “rapirlo”.

E se dovesse perdersi? Niente paura: la valigia è capace di segnalare autonomamente la propria posizione allo smartphone del proprietario. Liebman è convinto di riuscire a commercializzare il proprio robot nel giro di un anno. Il prezzo? Per ora è top secret – come anche l’autonomia, dettaglio non trascurabile – ma se volete essere aggiornati sull’evoluzione del prodotto potete registrarvi sul sito della società.

La tecnologia di NUA Robotics si presta per essere facilmente adattata ad altri utilizzi: dalla robotizzazione di carrelli del supermercato a diversi dispositivi per disabili.