Tag Archives: Auckland

L’aereo partito nel 2018 e atterrato nel 2017

Febbraio 2018

Incredibile ma vero!

Se pensi che viaggiare nel tempo sia un’impresa impossibile e frutto solo della mente di qualche scrittore o regista di fantascienza continua a leggere questo post perché dovrai ricrederti.

L’aereo della compagnia statunitense United Airlines UA890 è riuscito in questa impresa. È decollato da Shangai, in Cina, alle ore 00:15 del 1° gennaio 2018, ed è atterrato a San Francisco alle ore 19:20 del 31 dicembre 2017.

 I passeggeri hanno così festeggiato due volte il Capodanno. La prima in Cina poco prima del decollo, e la seconda in California qualche dopo qualche ora dall’atterraggio.

Nessuna magia e nessuna macchina del tempo. Ciò è avvenuto per via del fuso orario in vigore tra Shangai e San Francisco, ben 16 ore di differenza in più tra la città cinese e quella californiana. La durata del volo è stata di 11 ore e 5 minuti e facendo due calcoli l’UA890 è atterrato con una differenza di orario di meno 4 ore e 55 minuti rispetto all’orario di decollo, quando ancora non era scattata la mezzanotte.

Ma non è stato mica il solo.

Anche il volo Air New Zealand NZ40 partito da Auckland (Nuova Zelanda) alle ore 10:25 del 1° Gennaio 2018 è atterrato a Tahiti alle 16.25 del 31 Dicembre 2017, e il volo Hawaiian HA446 partito da Auckland alle ore 00:05 del 1° gennaio 2018 è atterrato a Honolulu alle ore 10:13 del 31 dicembre dell’anno precedente, in tempo per vivere comodamente un’altra giornata di fine anno.

Chissà cosa avranno provato i passeggeri, sta di fatto che la loro esperienza sarà difficile da dimenticare.

Però mi sorge un dubbio: si saranno beccati per ben due volte la fatidica domanda “cosa farai a Capodanno?”. Mi auguro proprio di no!

Articolo preso dal sito www.vologratis.org

 

HOTEL CITY AUCKLAND

NOME: Hotel City Auckland, quattro stelle

AUCKLAND: Auckland, Nuova Zelanda

INDIRIZZO: 157 Hobson Street, Auckland

RAGGIUNGIBILITA’: centralissimo, a pochi passi dalla Sky City Tower

ACCOGLIENZA ALL’ARRIVO: voto 8

ACCESSIBILITA’ GENERALE IN SEDIA A ROTELLE: voto 10, senza barriere architettoniche

SERVIZI: wi.fi gratuito, bollitore the e caffè, set da stiro

CAMERA: voto 10, a misura di disabile

BAGNO: voto 10, con maniglioni accanto al wc e al seggiolino doccia

PULIZIA: voto 6. per essere un quattro stelle la pulizia lascia a desiderare

COMMENTI FINALI: ottima posizione, ottimo rapporto qualità-prezzo, perfetto per persone in sedia a rotelle

IL MIO VIAGGIO IN NUOVA ZELANDA

Aprile 2015                                  NUOVA ZELANDA          (viaggio di 20 gg)

ITINERARIO: Wellington – Palmerston NorthPictonKaikouraChristchurchDunedin Te AnauFiordiland National ParkMilford SoundQueenstown AucklandRotorua

KIA ORA!

Dopo 21 anni di viaggi, ho fatto il mio primo tour naturalistico. Si perché questo viaggio a AOTEAROA, ovvero nella “terra della lunga nuvola bianca”, è stato nella natura più totale!

Nella categoria “Oceania” del mio blog trovate altri articoli, che ho scritto mentre ero in viaggio, riguardo a Wellington, Queenstown, la campagna neozelandese, il kiwi birdlife park e alle accessibilità per disabili.

CURIOSITA’:

– il kiwi in Nuova Zelanda è un volatile che in realtà non vola. E’ il simbolo e la vera icona del Paese e da lui prende il nome il frutto, il kiwifruit, e i suoi abitanti. I nativi neozelandesi vengono infatti chiamati affettuosamente “kiwi”.

– Christchurch, la città più grande dell’isola del sud, è stata completamente rasa al suolo dal terremoto del 2011. Sono crollati più di 700 palazzi ed è stata danneggiata anche l’antica Cattedrale che è tuttora in ricostruzione.

– i Maori sono stati i primi ad occupare l’isola tra l’800 ed il 1300. Ho vissuto la fantastica esperienza di visitare un loro villaggio, il Te Puia, a Rotorua, nell’isola del nord. Dopo averci accolti nella loro casa tipica, ci hanno deliziati con danze a canti tradizionali tra i quali l’HAKA. Imperdibile!

– In Nuova Zelanda solo il 5% della popolazione è composta da umani, il resto sono animali.

– Ogni anno vengono registrati circa 400 terremoti.

– Il bunjy-jumping è stato inventato in Nuova Zelanda e più precisamente nella città di Queenstown.

– Non esistono serpenti.

– Wellington è la capitale più a sud del mondo.

SPECIALITA’ CULINARIE: carni di manzo, agnello e pecora. Fish and chips, prediligere i locali con pesce fresco esposto a vista da poter scegliere. Cozze giganti. Vasto assortimento di birre e vini neozelandesi.

LA NATURA PIU’ BELLA: soggettivo dato che la natura qui è tutta incontaminata. Le mie tre attrazioni preferite: Fiordiland National Park con l’accesso a Milford Sound. Trattasi del parco nazionale più grande del Paese con laghi, foreste vergini, cascate e montagne. Da un punto del parco ci si imbarca sulla nave per la crociera sui fiordi di Milford Sound fino a raggiungere il Mar di Tasmania.

Al secondo posto posiziono il centro termale di Whakarewarewa con i suoi fanghi bollenti e i suoi geyser che eruttano più volte al giorno.

Al terzo posto la spiaggia di Muriwai, nei dintorni di Auckland. E’ nera, ventosa, senza fine e patria dei surfisti. Sembra di raggiungere la fine del mondo!

E proprio Auckland è una delle città che più ho apprezzato. Situata a nord dell’isola del nord è l’area metropolitana più grande e popolosa del Paese. Il suo skyline ricorda lo stile americano, dall’alto della Sky City Tower si può ammirare tutta la bellezza della città mentre dal waterfront si possono prendere vari traghetti per le isole circostanti. La via principale è piena di boutique e negozi chic e la sera ci si può sbizzarrire nei vari ristoranti e locali del porto. Ad Auckland è impossibile annoiarsi.

Spero di essere riuscita a raccontarvi e a descrivervi alcuni punti cruciali di questo mio meraviglioso viaggio. Per scoprire meglio i particolari vi consiglio di andarci… al più presto!

SEE YA !

QUEENSTOWN: LA CITTA’ DEGLI SPORT ESTREMI

18/ Aprile/2015

Ieri ho lasciato la città di Queenstown, ultima tappa del mio viaggio nell’isola neozelandese del sud prima di volare ad Auckland. Dagli anni ottanta è famosa per gli sport estremi all’aria aperta. Il Bungee Jumping è stato inventato proprio qui! Ma i più avventurieri si possono sbizzarrire anche col rafting, il climbing, con lo swing, volare col deltaplano o col parapendio e praticare diversi sport acquatici.

Molti giovani la popolano perché attirati da tutto questo!

Ma Queenstown è anche una bella cittadina da percorre a piedi fino ad arrivare al suo lungolago circondato dalle Remarkables Mountains.

Proseguendo la camminata dal lago si accede ai bellissimi giardini botanici dove potersi rilassare all’ombra di alberi secolari.

A pochi passi dal centro si arriva alla Skyline Gondola, una specie di funicolare che sale in cima ad una collina da dove si ammira la bellissima vista della baia. Accessibile in sedia a rotelle come il resto delle attrazioni neozelandesi.

Davvero incantevole questa citta’. Assolutamente da visitare se si è in tour nell’isola sud della Nuova Zelanda.

Consiglio culinario: provate gli hamburger di Ferge Burger! La lunga coda di quasi cinquanta minuti ci ripagherà! Nulla a che vedere con la carne delle catene di fast food.

Ai prossimi aggiornamenti sulla Nuova Zelanda!