Tag Archives: Lonely Planet

OGNI FINE ANNO LA LONELY PLANET STILA LA CLASSIFICA DELLE CITTA’ DA VEDERE NELL’ANNO SUCCESSIVO: SCOPRI LE BEST IN TRAVEL 2019

Dicembre 2018

Simo quasi giunti alla fine del 2018 ed è ora di bilanci: quanti Paesi visitati? Quali le città che vi sono rimaste nel cuore? Ma soprattutto, quali sono le destinazioni in programma per il 2019?

Ogni fine anno la Lonely Planet prepara una classifica con le città imperdibili da visitare l’anno successivo. Scopri quali sono le Best in Travel del 2019!

Articolo preso dal sito www.lonelyplanetitalia.it

1 COPENAGHEN, DANIMARCA

foto presa da Google

La capitale trendy della Danimarca è inarrestabile. Il Noma conquista i gourmet con una sede rinnovata, l’agricoltura urbana e gli innovativi menu. La fiorente scena cittadina dello street food trionfa a Refshaleøen, dove un ex cantiere navale è stato riconvertito in un mercato alimentare e artigianale, il Reffen. Il parco dei divertimenti Tivoli offre una nuova stagione in febbraio, mentre l’impianto waste-to-energy Amager Bakke stupisce con la sua pista da sci sul tetto e i sentieri di trekking. Il Dansk Arkitektur Center si è trasferito nel centro culturale BLOX progettato da Ellen van Loon, mentre il completamento della linea della metropolitana Cityringen, previsto per la metà del 2019, renderà più facili gli spostamenti in città.

2 SHENZHEN, CINA 

foto presa da Google

Benvenuti nella città più innovativa della Cina – Shēnzhèn, la Silicon Valley cinese. Situata poco più a nord del confine tra Hong Kong e la Cina continentale, la città richiama frotte di creativi grazie ai nuovi centri del design e dell’innovazione tecnologica. Nota un tempo come alternativa economica a Hong Kong per la vita notturna, Shēnzhèn oggi vanta un’interessante scena di musica indie, caffè trendy, birrifici artigianali e un quartiere delle arti ricavato da vecchi magazzini. Negli ultimi tre anni sono stati inaugurati la Design Society (in collaborazione con il Victoria and Albert Museum di Londra), il Museum of Contemporary Art & Planning Exhibition (MOCAPE) e il centro culturale OCT Loft.

3 NOVI SAD, SERBIA

foto presa da Google

Elegante ma alla mano, Novi Sad si gode le luci della ribalta, sfida il suo stato di seconda città del paese e si dimostra all’altezza del suo nome. Il ‘Nuovo Giardino’ della Serbia ospita il fantastico festival EXIT, la cui ventesima edizione coinciderà con il ruolo di Capitale europea della gioventù nel 2019. In questa rinascita spiccano il restauro della Città Bassa nella Cittadella di Petrovaradin e la trasformazione della fatiscente Chinatown in un quartiere di cultura alternativa. Energico e creativo, il nuovo Gradić Fest sta dando nuovo impulso a Petrovaradin con la musica, il cinema, il teatro e l’arte, mentre Novi Sad si prepara a indossare un’altra corona, quella di Capitale Europea della Cultura nel 2021.

4 MIAMI, STATI UNITI

foto presa da Google

Rinomata per le magnifiche spiagge e la vivace vita notturna, richiama da sempre i viaggiatori in cerca di un angolo di paradiso tropicale mentre il resto del Nord America batte i denti. Ma negli ultimi anni la Città Magica si è trasformata anche in un centro fiorente delle arti, una destinazione per gourmet e un polo di innovazione del design urbano. Downtown Miami vanta un museo delle scienze da 305 milioni di dollari, mentre il Design District è diventato un’attrattiva culturale grazie a nuovi edifici di grande impatto come il Museum Garage e l’Institute of Contemporary Art, a installazioni di arte pubblica e a nuovi programmi culturali di ampio respiro.

5 KATHMANDU, NEPAL 

foto presa da Google

All’indomani del terremoto del 2015, i reportage da Kathmandu mostravano una città a pezzi e in lutto; oggi invece, i principali resoconti sono incentrati sulla ricostruzione e il rinnovamento. Certo, c’è molto lavoro da fare per restaurare i magnifici monumenti crollati durante il sisma, ma i siti storici stanno tornando all’antico splendore e le misure prese per ridurre i famigerati traffico, smog e rumore hanno reso Kathmandu una città più vivibile rispetto agli ultimi decenni. Il suggestivo dedalo di vicoli della città vecchia può contare addirittura su un’affidabile fornitura di corrente elettrica e su una rete wi-fi.

BLED, IL LAGO FIABESCO DELLA SLOVENIA

Settembre 2018

Nella mia ultima tappa in Slovenia mi sono recata all’incantevole lago di Bled, situato a nord ovest del Paese e a  meno di un’ora di auto dalla capitale Lubiana. A Bled sembra di vivere all’interno di un libro di fiabe illustrato dove si fondono magia e romanticismo.

Questo posto è molto conosciuto e frequentato soprattutto dalle coppie alla ricerca di un luogo passionale, ma anche da famiglie e da escursionisti. Insomma, qui il turismo spopola, e proprio per questo i prezzi sono piuttosto elevati. Difficile trovare una camera handicap-friendly a meno di 200/250 euro a notte. Io ho scelto di dormire a Lubiana, e di recarmi a Bled il mattino presto.

Purtroppo ci sono pochissimi posteggi nei pressi del lago, perciò risulta davvero difficile parcheggiare l’auto. Non si trovano nemmeno posteggi per disabili. Bisogna tassativamente posteggiare in una delle tante aree adiacenti dove vi sono dei parking a pagamento. 5 euro due ore, 10 euro tutta la giornata.

Ma veniamo al lago, protagonista principale di Bled, cittadina ai piedi delle Alpi Giulie, meta perfetta per il turismo green e terza località al mondo da visitare nel 2018 secondo la Lonely Planet. Il lago ospita al suo interno una deliziosa isoletta dove sorge la Chiesa di Santa Maria Assunta attorniata da una fitta vegetazione. Da diversi punti del lago partono imbarcazioni di legno a remi che conducono alla piccola isola. Purtroppo nessuna barca è accessibile in sedia a rotelle e nemmeno la chiesa dell’isola, dato che per accedervi ci sono ben 99 gradini.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

E’ possibile effettuare il giro completo del lago (6 km) seguendo una passeggiata che lo costeggia interamente da dove si possono ammirare scorci mozzafiato e scattare foto da cartolina. Non tutto il percorso è asfaltato, vi sono punti dove la strada è sterrata, ma è fattibile anche in sedia a rotelle. Io l’ho perlustrato interamente col Triride.

Su un lato del lago, a picco su una scogliera, svetta il castello di Bled, raggiungibile in auto ma inaccessibile in sedia a rotelle a causa dei numerosi gradini che conducono all’ingresso. Lo si vede bene ad occhio nudo da diversi punti percorrendo tutto l’anello.

Da Giugno ad Agosto è possibile fare il bagno nel lago ed anche prendere il sole in uno dei tanti punti verdi che lo contornano.

Il lago di Bled è il MUST della Slovenia!

NOVITA’ IN VIAGGIO: NON PERDERE LE PIU’ BELLE DEL 2018

Luglio 2018

Ma in fondo in fondo, che cosa davvero decide della destinazione che le persone scelgono per i loro viaggi & vacanze? Qual è il fattore cruciale? I sogni? Le passioni? La curiosità? Quel che se ne legge? La voglia di evadere? Il budget? I suoceri?

Ah, saperlo! E infatti c’è forse anche questo interrogativo nascosto nelle menti dei redattori di “Best in Travel 2018”, il volume che, puntuale, Lonely Planet presenta domani a Roma. Non una “bibbia” e neppure un vangelo (lo scorso anno lo avevamo definito così, pardon), piuttosto un bel libretto (208 pagine, 14,50 euro) ricco di idee e di spunti, alcuni anche un po’ stravaganti ma la maggior parte miele per le labbra di chi ama viaggiare.

La Stampa.it ha potuto dare un’occhiata in anteprima al volume e l’attenzione, più che dalle classifiche — di cui vi diremo poi — è stata attirata dal capitoletto di quattro pagine intitolato semplicemente “Le novità più belle”. “Credete di aver visto tutto?” recita il capoverso introduttivo. Ma figuriamoci!, diciamo noi con voi; ed eccoci quindi a pescare tra le 10 “cose più notevoli” che secondo i redattori del volume il 2018 riserverà ai viaggiatori, per ricompilare una nostra personalissima classifica.

Al primo posto secondo noi c’è il nuovo volo che dall’Argentina in 90 minuti — e senza l’inevitabile mal di mare da Capo Horn e dintorni — permetterà di sbarcare in Antartide. La compagnia aerea LADE aprirà infatti voli commerciali da Ushuaia alla base Marambio, che sarà attrezzata per accogliere i turisti. Secondo posto per un’altra avventura tra mare e terra davvero esclusiva: viaggio di otto giorni da Terranova e immersione in sommergibile a 4mila metri di profondità per esplorare il relitto del Titanic; posti, ovviamente, limitatissimi. Sul podio anche il “turismo ninja in Giappone”: tour organizzati tra luoghi sacri e scuole di questa disciplina e ninja academy per potersi diplomare.

Vessel, NY. Foto presa da Google

Ora tocca a quattro capitali del turismo globale. A Parigi in aprile verrà inaugurato l’atelier des Lumières, 2mila mq in una ex fonderia in cui ogni anno una mostra immersiva permetterà di “entrare” nelle opere di un grande artista. Sembrerà, invece, di entrare in un’opera di Escher a New York dove in autunno sarà aperta al pubblico Vessel, un’installazione in rame alta 45 metri formata da 154 rampe di scale inanellate per uno sviluppo di oltre un chilometro e mezzo. La troverete a Hudson Yards.

Londra aprirà una sede staccata della famosa Science Gallery di Dublino e proprio nella capitale irlandese l’autunno 2018 vedrà una novità importante per gli appassionati di letteratura; si tratta dell’Ulysses Centre, naturalmente dedicato a Joyce ma altrettanto naturalmente dotato delle più moderne tecnologie per un viaggio in tutta la letteratura dell’isola di smeraldo.

Dalla letteratura al cinema in quel di Nashville, Tennessee, Usa; qui si sta allestendo un mini parco a tema che riprodurrà un drive in sotto le stelle con tanto di frinire di cicale e di grilli. Ci si siederà in un’auto anni Sessanta e ci si godrà un film con la possibilità, dicono, di interagire anche con attori in carne e ossa.

Abbiamo iniziato parlando di voli, ecco un’altra novità 2018 dall’alto dei cieli: è il nuovo volo Londra – Perth proposto da Qantas da marzo. Sarà uno dei più lunghi del mondo (17 ore) e il primo a collegare direttamente Australia ed Europa. La Stampa ne ha già parlato ampiamente qui.

Ocean Cay Marine Reserve, Bahamas. Foto presa da Google

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Infine una nota italiana. Alle Bahamas, la Ocean Cay Marine Reserve è un sito industriale trasformato in riserva marina e isola privata da MSC Crociere. Solo i passeggeri delle navi della compagnia potranno godere delle bellezze e dei servizi dell’isola, un mix tra natura e tecnologie digitali.

Terminato l’elenco delle novità più belle, quasi dimenticavamo le classifiche che ogni anno Best in Travel stila per indicare le destinazioni top, rispettivamente per Paesi, regioni e città. Ecco i podi. Per i Paesi: Cile, Corea del Sud, Portogallo. Regioni: Belfast e la Causeway Coast, Alaska, Alpi Giulie (Slovenia). Le top città 2018 secondo Lonely Planet saranno Siviglia, Detroit e Canberra. E l’Italia? Al 7° posto c’è Matera, da visitare mentre si prepara ad essere capitale europea della cultura per il 2019.

Articolo preso dal sito web www.lastampa.it

 

UlisseFest: a Rimini il festival dei grandi viaggiatori

Giugno 2018

Dall’8 al 10 giugno Rimini ospita il festival di Lonely Planet: 60 incontri in 3 giorni per parlare di viaggi con grandi viaggiatori. Ecco cosa si fa e perché non perderselo

Si parlerà di cammini, viaggi slow o estremi tra montagne, mari e ghiacciai, viaggi in bicicletta, scrittura di viaggio, viaggi in solitaria o in compagnia, durante reading, proiezioni cinematografiche, ma anche concerti, spettacoli: in tutto 60 incontri con 120 ospiti in tre giorni. Accadrà all’Ulisse Fest, il festival di viaggio di Lonely Planet, che dall’8 al 10 giugno sarà a Rimini, nel cuore dell’Emilia Romagna che la stessa Lonely Planet ha appena eletto prima meta di viaggio in Europa di quest’anno.

Il tema di quest’anno è Al di là del mare, inteso come invito ad allargare i propri orizzonti, a comprendere a fondo il viaggio dei migranti che al di là del mare cercano la vita, ma anche un omaggio alla Rimini romana e rinascimentale che oltre alle spiagge che l’hanno resa capitale turistica, è una città carica di storia e di luoghi di grande bellezza , molti dei quali legati al suo cittadino più celebre: Federico Fellini.

GLI OSPITI
Come il Grand Hotel che quest’anno compie i 110 anni, e il cinema Fulgorappena ristrutturato con un progetto del premio Oscar Dante Ferretti: saranno tra i luoghi clou del festival, e le sale del cinema dove Fellini imparò ad amare il cinema ospiteranno uno degli incontri con i protagonisti più attesi di questa seconda edizione dell’Ulisse Fest. Si tratta di Tony Wheeler, il mitico fondatore di Lonely Planet che, ispirato da un trekking lungo la hippie trail nel 1972, pensò a una guida di viaggio fatta da viaggiatori, per esplorare il mondo per capire il mondo. Sarà protagonista di un incontro la sera del 9 giugno durante il quale gli autori italiani delle guide di Lonely Planet gli chiederanno tutto quello che tutti noi vorremmo sapere da lui, il più grande viaggiatore vivente.

Tanti gli ospiti di primo piano: per esempio lo scrittore Niccolò Ammaniti che racconterà l’esperienza che lo ha portato a vestire i panni del documentarista e a portare sullo schermo, nel documentario The Good Life, le vite di italiani che hanno ritrovato se stessi lungo il Gange, Lara Gilmore che racconterà l’esperienza della onlus Food for Soul per valorizzare il buono nel mondo che ha fondato con suo marito Massimo Bottura, il documentarista e motociclista Emerson Gattafoni che svelerà storie avventurose, lo scrittore Paolo Giordanoche parlerà del suo ultimo libro Divorare il Cielo, lo scrittore e giornalista scientifico James Nestor che condurrà in un viaggio negli abissi marini.

E per chi vuole imparare a raccontare il viaggio, ci saranno anche diversi workshop: laboratori di scrittura (uno dei quali con Giuseppe Culicchia, in collaborazione con la Scuola Holden), fotografia e carnet de voyage. I workshop sono gli unici appuntamenti a pagamento (e su prenotazione), insieme allo spettacolo finale Da questa parte del mare di Giuseppe Cederna tratto dal libro omonimo di Gianmaria Testa: un grande racconto dei nostri ultimi vent’anni per storie e canzoni attraverso le migrazioni umane.

LA FESTA
E poi tanto cinema con, tra gli altri, il film Wim Wenders e Juliano Ribeiro Salgado Il sale della terra, dedicato al grande fotografo brasiliano, e musica con i concerti del siriano Omar Souleyman, e la brasa band di Boban Marković Orkestar, e dj set che animeranno il lungomare dalle 7 di sera fino a tarda notte. Per il programma completo cliccate su www.ulissefest.it.

Articolo preso dal sito www.vanityfair.it

 

LONELY PLANET LANCIA UNA GUIDA ON LINE PER I VIAGGIATORI DISABILI. ED E’ GRATUITA!

Maggio 2018

Da disabile vi confesso che è faticoso recuperare le mille informazioni necessarie per comporre un itinerario di viaggio senza barriere. Sono molti i diversamente abili che rinunciano a muoversi proprio per questo motivo.

Io credo che la mancanza di informazione sull’accessibilità dei luoghi che si desidera visitare sia la prima barriera da sconfiggere!

Fortunatamente, Lonely Planet, specializzata in libri ed in guide di viaggio, ha pubblicato sul suo sito una guida totalmente accessibile per i viaggiatori affetti da disabilità.

E’ possibile scaricarla gratuitamente in versione pdf dallo shop on line della LP.

L’autore di “Accessible Travel Online Resources“, questo è il nome dato alla guida, è Marting Heng, abitante di Melbourne in Australia nonché viaggiatore in sedia a rotelle. Heng collabora con Lonely Planet ed insieme, in questa utilissima guida, hanno inserito 40 tour operator di Paesi differenti, esperienze di viaggio prese da blog di tutto il mondo, associazioni per disabili, organizzazioni turistiche e le risorse dei governi locali e nazionali. Inoltre sono stati aggiunti i suggerimenti più importanti da viaggiatori disabili esperti.

Lonely Planet sostiene che nessuno debba rinunciare a viaggiare! Nemmeno i ciechi, i sordi e le persone in sedia a rotelle!

La guida verrà continuamente aggiornata! Stay Tuned!

 

Le 10 invenzioni che hanno cambiato il mondo dei viaggi

Dicembre 2017

“Oggi ci si sposta sempre di più per mezzo delle compagnie aeree per una varietà di motivi, dalle riunioni di lavoro fino alle rimpatriate con gli amici dell’università o a avventure in paesi lontani con la famiglia. Con le tariffe di volo che sono diminuite di quasi il 40% negli ultimi due decenni, la maggior parte dei dirigenti delle compagnie aeree cita la concorrenza come la più grande sfida per la propria azienda”. Lo afferma Francesca Benati, ad e dg di Amadeus Italia sottolineando come cambiano i mezzi e gli strumenti per viaggiare, dunque, ma non l’essenza del viaggio stesso: ovvero metterci in connessione con le persone e con le città, spinti da un innato desiderio di superare i propri confini e venire a contatto con culture differenti.

Percorrendo alcune tappe della storia moderna e contemporanea emergono 10 date in cui è evidente come le innovazioni e le tecnologie abbiano rivoluzionato il mondo dei viaggi.

1890: Louis Vuitton disegna i primi bauli destinati al trasporto di indumenti e altri effetti personali sulle navi;

1914: a 11 anni dai fratelli Wright, viene effettuato in Florida il primo volo commerciale;

1970: Bernard Sadow inventa e brevetta il ‘rolling luggage’ (l’antenato del trolley) la prima valigia trasportabile grazie a piccole rotelle;

1973: prime pubblicazioni delle guide Routard e Lonely Planet;

1977: il designer e illustratore Milton Glaser inventa il famoso logo ‘I ❤ NY’;

1987: nasce Amadeus, primo sistema neutrale di distribuzione globale (GDS) creato da parte di Air France, Iberia, Lufthansa e SAS per collegare in tempo reale i sistemi degli uffici aeroportuali e delle advcon i provider di servizi e i consumatori;

1994: nascono i primi codici bidimensionali BIRI/QR, utilizzati ancora oggi per identificare univocamente i documenti di viaggio;

2005: Google lancia Google Mapse Apple inizia a sviluppare il primo iPhone;

2010: la scrittrice Rachel Botsman per prima definisce la nascente sharing economy come ‘La re-invenzione di comportamenti tradizionali di mercato – affittare, prestare, scambiare, condividere, barattare, donare – attraverso la tecnologia, che si verificano in modi e su scale non possibili prima dell’era di Internet’;

2012: sulle strade di Las Vegas un veicolo a guida completamente autonoma completa il suo primo test di 22 km certificato dalla motorizzazione dello stato del Nevada.

“In Amadeus stiamo lavorando per continuare questa storia di innovazione, con il nostro investimento in ricerca e sviluppo che cresce ogni anno. Oggi i nostri sistemi sono in grado di processare fino a 1 miliardo di transazioni al giorno, i nostri clienti hanno accesso in tempo reale al 95% dei posti a sedere delle compagnie aeree mondiali, a 690.000 alberghi, a 90 ferrovie e altro ancora – conclude Benati – Questo è il risultato del nostro impegno a sviluppare la tecnologia che collega la comunità di viaggi globale e il talento della nostra gente, il vero motore che alimenta la nostra innovazione”.

Testo preso dal sito www.travelnostop.com  

IL 2017 E’ L’ANNO DEL CANADA!

Luglio 2017

Non avete ancora prenotato il vostro viaggio estivo? Non avete nessuna idea riguardo la destinazione?

Lonely Planet, con la sua classifica Best in Travel, ha decretato il Canada come miglior destinazione da visitare nel 2017.

Il Canada è il paese più grande dell’America del nord nonché uno dei più ricchi al mondo! E’ conosciuto per la sua natura vasta ed incontaminata e per la sua mescolanza di culture.

Perché visitarlo? Ecco alcuni buoni motivi…

E’ una destinazione perfetta per i viaggi con la famiglia. I bambini hanno la possibilità di entrare in contatto con i numerosi animali presenti sul territorio vivendo un’esperienza indimenticabile!

Il primo Luglio 2017 hanno festeggiato i 150 anni della costituzione della Confederazione Canadese. Il 2017 quindi sarà un anno di festeggiamenti!

Per celebrare questo evento si potrà entrare gratis in tutti i parchi nazionali del paese. Una grande opportunità direi!

Il Canada è un luogo ideale per provare il brivido di esperienze adrenaliniche nel bel mezzo della natura!

La qualità della vita è alta, quindi anche il tasso di sicurezza è tale!

E’ un paese multiculturale dove si può scoprire ed approfondire il mix di culture.

Vi ho convinti? Per maggiori informazioni sui viaggi in Canada visitate il sito www.goamerica.it

E ricordate che il Canada è adatto non solo in primavera ed estate, quando il clima è mite. Questo meraviglioso paese offre spettacoli di colori differenti in ogni stagione dell’anno!

LA PUGLIA E’ STATA ELETTA LA REGIONE PIU’ BELLA DEL MONDO

Luglio 2016

La nostra Italia vanta luoghi fantastici e molto apprezzati da turisti provenienti da tutte le parti del mondo. Molto spesso però, purtroppo, noi non ce ne rendiamo conto. Fortunatamente ce lo ricordano, come in questo caso, fonti autorevoli del calibro del National Geographic che, in accordo con il New York Times e la Lonely Planet, ha eletto la Puglia la regione più bella al mondo!

La Puglia, famosa per il suo tacco, per la bellezza delle città e dei paesaggi, per il mare dai colori caraibici, nonché per la sua cultura ed il cibo si è aggiudicata il premo del National Geographic “Best value travel destination in the world“.images

Da qualche anno, la Puglia, è la vera regina dell’estate e vanta il meglio dell‘Italia meridionale.

Quali sono le città principali e più caratteristiche della Puglia? In primis Lecce, considerata la Firenze del sud, Alberobello coi suoi pittoreschi trulli, Gallipoli dove c’è vita anche di notte, la città bianca di Ostuni, Brindisi, Bari Taranto, solo per citarne alcune.

Ma questa fantastica Regione del sud Italia offre ai suoi visitatori anche spiagge borotalco e mare cristallino. Dal Salento al Gargano passando per le Isole Tremiti, le proposte sono davvero numerose. Ecco una classifica delle spiagge migliori:

– nel salentino spiccano Punta Prosciutto, e le spiagge di Porto Cesareo dove l’acqua è trasparente e turchese.

– nel Gargano troviamo la spiaggia di Mattinatella, la baia delle Zagare, la Baia dei Mergoli, la spiaggia di Zaiana e quella di Porto Greco.

Dal Gargano, tramite aliscafo, motonave e traghetto, si possono raggiungere le bellissime isole Tremiti.

Approfittiamone! Visitiamo la nostra Italia che non ha nulla da invidiare all’estero!

QUAL E’ LA META PIU’ CONSIGLIATA NEL 2016?

Dicembre 2015

Secondo Lonely Planet, le famose guide di viaggio da dove trarre spunti e indicazioni per come organizzare un viaggio, Dublino si aggiudica il terzo posto nella “Best in Travel” 2016. Questo significa che, degli esperti Lonely Planet  hanno girato il globo per selezionare i migliori Paesi, le più belle città e Regioni da visitare il nuovo anno, ed hanno inserito la capitale culturale dell’isola di smeraldo tra queste. Il soprannome è dovuto alle vaste colline irlandesi nelle quali domina il colore verde.

Non sono ancora stata in Irlanda ma confido di visitarla al più presto. Mi sono dovuta,, in questo modo, documentare per scoprire quali sono le attrazioni più gettonate di Dublino, ma anche i luoghi meno turistici e talvolta più interessanti.

Tra i luoghi di interesse classici spiccano il Castello di Dublino, il Phoenix Park, la Cattedrale di San Patrizio, il Museo Nazionale d’Irlanda, la Cattedrale di Cristo, il giardino botanico nazionale, il Castello di Malahide, il “Ha’penny Bridge” e la Dogana.

Ma veniamo alle attrazioni più singolari… Agli amanti del genere consiglio di non perdere il Guinness Storehouse, sette piani dedicati alla fabbrica della birra. Ingresso 18 euro circa con una pinta di Guinness spillata da professionisti.

Piuttosto particolare deve essere anche lo “Ye Hurdy Gurdy Museum of Vintage Radio“, situato all’interno della torre Martello. Oltre ai diversi tipi di vecchie radio provenienti da vari Paesi, si possono trovare anche oggetti storici. Possibilità di effettuare tour guidati.

Lo stadio di Dublino, il Croke Park, il principale per gli sport gaelici e quartier generale della Gaelic Athletic Association, la più grande organizzazione sportiva irlandese.

Concludo con quella che pare essere la più entusiasmante attrazione turistica situata nel cuore della città. Il “Wax Museum Plus“, più comunemente chiamato museo delle cere. E’ enorme, disposto su quattro piani dove vivere un’esperienza interattiva unica attraverso l’eredità culturale dell’Irlanda. Per i bambini è una vera e propria scoperta del Paese; in una sala verde è possibile registrare un video senza tralasciare la vita e la figura dei vari personaggi e poi vi è uno studio di registrazione.

Il mio consiglio finale è quello di fare un giro a “Temple Bar“, quartiere nel centro molto rinomato dove sono soliti ritrovarsi gli artisti di strada. Dagli anni novanta è stato ristrutturato e rinnovato!dublin_013

Vi ho convinti a partire? Nel 2016 tutti a Dublino!