Tag Archives: Sicilia

B&B VILLA ARTEMIDE, PIAZZA ARMERINA

Settembre 2018

NOME Bed and Breakfast Villa Artemide

LUOGO Piazza Armerina, Sicilia

INDIRIZZO Contrada Paratore SP 15 al Kilometro 2, Piazza Armerina, Enna

RAGGIUNGIBILITA’ E POSIZIONE A circa 3 km dal centro storico di Piazza Armerina e ad appena 700 metri dalla Villa Romana del Casale. Raggiungibile in auto si trova facilmente grazie alle segnalazioni stradali. (coordinate GPS 37.377984,   14.336724)

EMAIL info@villaartemide.com

SITO WEB www.villaartemide.com

ENTRATA Dal parcheggio interno (gratuito) all’ingresso principale non vi sono barriere.Tramite una piccola rampa, si accede al patio e successivamente, attraverso un’altra rampa (un pò troppo ripida), si arriva al piano della porta d’entrata.

rampa che dal patio conduce al piano dell’entrata

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

CAMERA Numero 1 al piano terra. Camera doppia abbastanza spaziosa per le sedia a rotelle con due letti singoli e un piccolo armadio.

BAGNO Bagno molto ampio con wc rialzato, un maniglione sul lato sinistro e doccetta laterale sul lato destro. Doccia a pavimento senza seggiolino né maniglioni. La proprietaria fornisce una seggiola di plastica per fare la doccia. Lavabo vuoto sotto per permettere alle carrozzine di avvicinarsi al meglio.

ZONE COMUNI Nessuna barriera architettonica nelle aree comuni. Si accede senza problemi alla cucina, al salottino e alla zona esterna dove fiori e piante contornano la villa rendendola ancora più bella.

COLAZIONE D’estate la colazione viene servita nel patio esterno. La proprietaria cura in modo particolare la prima colazione, fornendo croissant freschi ogni giorno, torte fatte in casa, cereali, pane e marmellate, prodotti da forno confezionati e prosciutto e formaggio. Oltre a caffè, thè e cappuccino è possibile avere estratti di frutta e verdura freschi. E’ inoltre possibile fare la prima colazione all’ora che si desidera, basta comunicarlo alla proprietaria la sera prima.

SERVIZI free we-fi, phon in camera, noleggio biciclette, servizio transfer su richiesta, escursioni guidate, escursioni a cavallo, lezioni di equitazione, visita laboratori artigianali, servizio limousine con autista, servizio di baby sitter su richiesta, consulente d’immagine, visite guidate della città.

NOTE La posizione tranquilla è ideale per tutti coloro non amano il caos cittadino. La proprietaria è molto disponibile e coccola il cliente in modo impeccabile. Ottimo rapporto qualità/prezzo. Vivamente consigliato!

SICILIA: TAORMINA, GIARDINI NAXOS E ISOLA BELLA

Luglio 2017

Sicilia: dove andare? L’isola è grande ed è impossibile girarla tutta in una volta sola. Sono troppe le bellezze che offre tra spiagge soleggiate e città da visitare. Per la mia terza volta in Sicilia ho optato per Taormina. Si dice che Taormina sia la perla dell’intera isola. Non so se questo corrisponda a verità ma per me, dopo averla vista, è così!

Ultima settimana di Giugno. Volo su Catania, aeroporto di Fontanarossa. Ho alloggiato all’Hotel Baia degli Dei a Giardini Naxos. (trovate la recensione dettagliata dell’hotel nella categoria “recensioni” del mio blog). Dall’aeroporto ci ho impiegato un’ora in pullman, sono circa 42 km. La fermata di Recanati, zona di Giardini Naxos dove c’è il mio hotel, è molto comoda in quanto in pochi minuti a piedi si raggiunge il Baia degli Dei. Unico neo è che nessun pullman è accessibile alle sedie a rotelle. Non mi riferisco solo a quelli che effettuano la tratta da e per l’aeroporto, ma anche ai bus che girano per la città e per i dintorni. Non sono muniti di pedana elevatrice quindi, se si desidera usare l’autobus e si è in carrozzina come me, bisogna farsi prendere in braccio dall’autista o da qualche gentile turista che si offre di dare una mano. Nonostante si dica che in Sicilia l’ospitalità è sacra, non ho trovato tutti gli autisti ben disposti ad aiutarmi.

Di fronte all’Hotel Baia degli Dei vi è una bella spiaggia di sabbia. Si può decidere se rilassarsi in uno stabilimento balneare o se scegliere la spiaggia libera. Io ho preferito la prima soluzione, in quanto il bagno Lido Azzurro Naxos è munito di passerella di legno che arriva quasi fino alla riva del mare. Perfetto per la mia carrozzina. Il personale gentile mi ha sempre aiutata nei tratti di sabbia, dove la sedia a rotelle fatica a ruotare, e a fare il bagno nel mare. Nello stabilimento balneare vi è un bar, c’è la possibilità di fare la doccia ma non vi è il bagno per disabili. A Giardini Naxos l’acqua del mare è pulita, il suo colore non è chiarissimo ma non ci si può lamentare. Uscendo dall’hotel a destra e proseguendo per circa 800 metri a piedi si arriva al Lido di Naxos. Qui si susseguono bagni, negozi, hotel… Insomma la zona è decisamente più centrale rispetto a quella di Recanati ma indubbiamente più chiassosa. I marciapiedi sono muniti di rampe e non si incontrano particolari barriere architettoniche lungo questa camminata. Inoltre ho appurato che anche nella zona del Lido tutti gli stabilimenti balneari hanno l’accesso per le sedie a rotelle.

La Nike

Se si soggiorna qui è praticamente d’obbligo andare a Taormina! E’ stata la prima colonia greca della Sicilia ed a siglare il gemellaggio greco-siciliano hanno posizionato la statua della Nike sul lungomare di Giardini Naxos. Riprendo il bus senza pedana e in 15 minuti, la strada è piuttosto tortuosa e piena di curve, arrivo a Taormina. Per accedere al centro storico però bisogna percorrere una salita. Una volta arrivata alla porta d’accesso mi ritrovo in vicoli pittoreschi e stradine strette piene zeppe di balconi fiorati, maschere appese dalle case, bar dove gustare granite e negozi di souvenir. La mia prima tappa e stata il teatro greco antico. L’accesso è possibile mediante delle rampe e l’ingresso al disabile e all’accompagnatore è gratuito. E’ molto ben conservato e, dopo quello di Siracusa, è il più grande dei teatri di origine greca posseduti dalla Sicilia. Ovviamente non sono potuta salire in alto a causa delle scale, ma dalla cavea si vede tutto alla perfezione. Se desiderate prendervi una granita siciliana doc vi consiglio il Bam Bar. Proseguendo su Corso Umberto ci si imbatte nei negozi delle griffe più cool ma anche alla prima piazza, quella di Santa Caterina che prende il nome dall’omonima chiesa che sorge nei pressi del Palazzo Corvaja. La mia preferita però è quella che si trova alla fine del corso, Piazza IX Aprile, dove è ancora facile vedere vecchietti seduti a chiacchierare con la coppola in testa. E’ soprannominata il “salotto”più elegante di Taormina e la vista che offre è davvero impagabile.

Taormina mare? E’ possibile! basta recarsi all’Isola Bella! Anch’essa sita nel Mar Ionio è uno spettacolo che la natura italiana offre a tutti i turisti! A Causa della marea può capitare che la sottile lingua di terra che la distanzia dalla costa sia sommersa. E’ chiamata “la perla del Mediterraneo” e basta rivolgerle uno sguardo per comprende subito il perché. Come raggiungerla: da Recanati vi è l’autobus che ferma direttamente alle scale. Eh già, purtroppo per scendere alla spiaggia bisogna percorrere numerosi gradini. Ma fortunatamente si sono organizzati con la teleferica, che porta direttamente in basso, quindi nessun problema per i visitatori disabili. Anche qui vi è un tratto di spiaggia privata e quello di spiaggia libera.

Che dire… Sarò di parte dato che ho apprezzato moltissimo questi luoghi ma credo siano un MUST per chi visita la Sicilia!

 

CAPODANNO 2017: I CONCERTI GRATIS NELLE PIAZZE DELLE PRINCIPALI CITTA’ D’ITALIA

Dicembre 2017

Eccoci giunti anche alla fine di questo anno… I mesi volano e manca davvero pochissimo al Capodanno 2017.

Dove festeggiarlo? Se la vostra intenzione è quella di trascorrerlo nelle piazze italiane ecco alcuni eventi nelle maggiori città della nostra amata penisola.

Partiamo dalla capitale, sempre gettonata oltre per le bellezze che offre anche per la complicità del suo clima mite. Purtroppo il programma per il Capodanno a Roma di quest’anno arriva all’ultimo minuto. Ancora non si conosce il nome dell’artista che si esibirà di fronte al Colosseo ma il successo dell’evento è assicurato!

A Milano, la notte di San Silvestro, si esibiranno in piazza Mario Biondi ed Annalisa.Copritevi! Milano è molto fredda, ma la magia del quadrilatero della moda è davvero unica!

Napoli,dove il Capodanno sembra non finire mai. Concerti in programma: Tiromancino e Stadio.

Rimini, dove i romagnoli e non, festeggeranno con le bellissime canzoni di Renga… Naturalmente dove aver gustato una piadina!

Scendiamo a sud, più precisamente in Sicilia. Catania attenderà il nuovo anno in compagnia di Carmen Consoli.

Ce n’è davvero per tutti i gusti! Voi dove lo trascorerrete?

SICILIA

Febbraio 1999/ Agosto 1999                                  SICILIA            (viaggio di 15 gg)

La Sicilia mi è piaciuta talmente tanto che ci sono stata due volte nello stesso anno. Inizialmente decisi di andarci nel mese di Febbraio in un hotel con centro termale per unire le coccole della SPA con le visite dell’isola per poi tornarci in Agosto usufruendo anche del mare. Soggiornai a Sciacca, in provincia di Agrigento. Sciacca è una bellissima cittadina di mare rinomata per il turismo e, come vi ho già anticipato, per le terme. E’ ricca di monumenti e di chiese ed è nota per il suo storico carnevale. Ho partecipato come spettatrice a questa manifestazione carnevalesca che si svolge in Febbraio e che viene considerata tra le più popolari della Sicilia e d‘Italia. In effetti ricordo una bella festa con carri spettacolari e costumi molto curati nei particolari. Divertente e folkloristico lo consiglio a tutti i turisti che si trovano in zona a Febbraio.

Collego la Sicilia al buon cibo! Arancini di riso, caponata, pasta con le sarde, cassata, cannoli… mi viene appetito solo a ricordare tutte queste bontà. La regina delle squisitezze è la granita, dolce tipico freddo. Viene spesso confusa con il sorbetto ma è differente ed è preparata con acqua, zucchero e altri ingredienti come frutta, mandorla, pistacchio, caffè o cacao. Superlativa accompagnata dalla brioche!

Imperdibile da visitare è l‘area archeologica “la Valle dei Templi” caratterizzata da una serie di importanti templi dorici. Dal 1997 è stata inserita nei patrimoni dell’umanità redatta dall’UNESCO ed è considerata il simbolo della città di Agrigento oltre ad essere uno dei principali dell’isola. Il mio arrivo in questo luogo fu sconfortante! Mi trovai davanti a diversi gradini e ad una strada sconnessa difficile da percorrere in sedia a rotelle. Fortunatamente mi vennero in aiuto i diversi visitatori che si trovavano lì in quel momento. La Sicilia è antica e le sue bellezze sono purtroppo piene di barriere architettoniche che ostacolano il disabile. Con un po’ di fatica riuscii a raggiungere le necropoli, la tomba di Terone, le fortificazioni, l‘Agorà e i resti del tempio di Zeus Olimpio.

Valle dei Templi
Valle dei Templi

Questi luoghi sono molto suggestivi e in Febbraio il tutto era reso ancora più bello dai tanti alberi di mandorli in fiori che ci circondavano. Agli inizi del mese di Febbraio, proprio dalla Valle dei Templi, inizia la Sagra del Mandorlo in Fiore. E’ una manifestazione e festa popolare della città di Agrigento che si ripete ogni anno e che ha la durata di una settimana. Ha l’obbiettivo di festeggiare in anticipo la primavera con il fiorire dei mandorli. Da ogni parte del mondo giungono gruppi folkloristici dato che la festa ha accresciuto il proprio significato culturale mandando messaggi di pace a tutte le popolazioni.

In Sicilia arrivai con un volo da Milano e atterrai all’aeroporto intitolato alla memoria di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino di Punta Raisi. Sentii parlare diverse volte riguardo a questo aeroporto di Palermo dato che pare che sia una fortuna atterrare illesi. Non è mia intenzione spaventarvi o farvi cambiare destinazione, solo che le montagne attorno creano notevoli discendenze e il vento può essere piuttosto forte. Ricordo una leggera turbolenza unita alla paura di finire in mare perché al termine della pista vi è lo strapiombo. Sicuramente fu un’esperienza adrenalinica.

Arrivando a Palermo una visita della città sarebbe da mettere in programma. La parte storica è chiamata “quattro canti”, poi la Cattedrale, il Palazzo Arcivescovile, le numerosissime Chiese e ultimo, ma non per importanza, il mare. Conosciuta e affollata è la spiaggia di Mondello.

Sicuramente i siciliani aiutano a far apprezzare i luoghi dove vivono, merito della loro simpatia e cordialità. Quando tornai a Sciacca nel mese di Agosto sfruttai anche il mare con le sue spiagge di diverso tipo. Secondo il mio punto di vista le spiagge non sono tra le più suggestive ma sono pulite. Il mare non è brutto ma nemmeno caraibico, poi è tutto relativo, dipende da quale unità di misura venga utilizzata. Credo che ci siano luoghi con mare migliore in Sicilia.

Mi mancano ancora diverse cose da visitare di questa fantastica isola italiana… Vorrei partire dalle splendida Taormina della quale ho sentito tanto parlare…

Devo metterla in coda ai miei viaggi in programma!

Valle dei Templi
Valle dei Templi