Tag Archives: viaggio

Nove città alternative per un viaggio low cost

Ottobre 2018

Archiviate le vacanze estive e in attesa del prossimo lungo break natalizio, molti italiani sono alle prese con la pianificazione del prossimo viaggio, meglio se a budget contenuto. Alcuni consigli.

Per aiutare i viaggiatori nel dilemma della scelta della meta ideale, la piattaforma digitale momondo ha analizzato i propri dati e stilato una lista di nove città,interessanti, belle, vivaci e soprattutto alternative alle grandi metropoli europee, capaci di offrire un’esperienza di viaggio unica, in un’atmosfera più rilassata e a prezzi decisamente ridotti, consentendo di risparmiare fino al 34% sull’alloggio.

Bristol e Utrecht – Il Vecchio Continente è costellato di piccole perle, ricche di storia, cultura e sapori tutti da scoprire, capaci di conquistare anche i viaggiatori più esigenti. Ma quali scegliere se il must per concedersi una vacanza breve tra i più sostanziosi viaggi estivi e di fine anno è risparmiare? Secondo l’analisi di momondo in Regno Unito e Paesi Bassi le città più convenienti sono rispettivamente Bristol e Utrecht che consentono un risparmio del 20 e del 25 per cento rispetto alle più popolari Londra e Amsterdam. Bristol è certamente interessante, con siti che spaziano dalla modernità di The People’s Republic of Stokes Croft alla storicità del Ponte sospeso di Clifton. Chi invece ama il fascino delle città sui canali, Utrecht è una degna concorrente della capitale olandese, sia per le spiagge cittadine dove rilassarsi concedendosi un drink, sia per l’interessante centro storico, che permette di fare un tuffo nel suo passato attraverso la torre gotica Dom e il distretto dei musei.

La più conveniente in Repubblica Ceca – La destinazione alternativa davvero a portata di qualsiasi budget è Olomouc – in Moravia, Repubblica Ceca – con una media di soli 53 € euro a notte per il soggiorno in hotel. Questa città offre spettacolari opere architettoniche e tutta la vivacità di una cittadina universitaria, insieme a diversi bar e piccole birrerie artigianali.

Altre città belle ed economiche – Infine, le mete europee che consentono di risparmiare maggiormente rispetto alle “sorelle” più famose sono nell’ordine Traùin Croazia, vicino a Spalato, la francese Nantes e la spagnola Siviglia, che rispetto a Dubrovnik, Parigi e Barcellona offrono in media tariffe alberghiere rispettivamente del 34%, 32% e 30% inferiori. Ma ci sono anche la sontuosa città di Lipsia in Germania, Evora in Portogallo e per chi ama Creta ecco Retimo (Rethymno), altrettanto bella e intrigante della celeberrima Chania.

Articolo preso dal sito web www.tgcom24.mediaset.it

foto presa da Getty Images

MALDIVE

Maldive, Malé Sud                 Maggio 2003                        (viaggio di due settimane)

Ora non riuscirei più a stare ferma due settimane consecutive al mare ma, durante questo viaggio fatto più di dieci anni fa, vi assicuro che non mi annoiai. Probabilmente perché sapevo a quello a cui andavo incontro. Chi prenota una vacanza in uno dei tanti atolli che formano queste isole deve essere un’ amante del mare, del sole e anche del relax. E deve sapere che ci si può spostare solo in barca senza avere modo di visitare molto.

Atterrai a Malé, una delle capitali più piccole al mondo dove vi è l’aeroporto, o meglio un’unica pista di atterraggio circondata dall’Oceano Indiano. Da qui partono aliscafi e idrovolanti che portano i turisti sugli isolotti dove hanno scelto di trascorrere le loro vacanze. Io soggiornai al Club Rannalhi, distante 45 minuti di motoscafo. All’arrivo, dalla barca, si è potuto vedere l’isolotto per intero e, mano a mano che ci si avvicinava si scopriva tutta la sua  vegetazione rigogliosa.

img084

Non decisi di stare in questo resort solamente per la sua bellezza, ma lo scelsi anche per le accessibilità riguardo ai disabili. Il Rannalhi ha camere adatte per le sedie a rotelle, con bagni e docce adeguati. Il mio bungalow era immerso nella foresta ma con l’accesso diretto al mare. E che mare! L’entrata alla camera da letto era facilitata da una piccola rampa, mentre per girare l’isola, che è interamente di sabbia, c’era una carrozzina speciale messa a disposizione dal resort. Mi pare si chiami JOB e, date le sue grosse ruote, aiuta a muoversi sulla sabbia senza problemi. Inoltre è possibile entrare in acqua con tutta la sedia. Davvero utile a noi disabili! Una lunga rampa era posizionata anche per salire al ristorante che si trovava sopra delle palafitte di legno. Non ho incontrato nessuna difficoltà sull’isola, al contrario quasi tutte le sere, al tramonto, amavo fare il giro di tutto l’isolotto per terminare al bar posizionato direttamente sull’Oceano. Verso le 18, proprio mentre assaporavo l’aperitivo, vedevo volare dei pipistrelli volpe sopra la mia testa. Pare siano ospiti giornalieri ma non si avvicinano e non procurano danni. Non posso dire la stessa cosa delle gazze ladre che, al mattino, schernivano i turisti rubandogli le torte e i dolcetti dai tavolini. Stare in mezzo alla natura è bello, bisogna però imparare a convivere anche con i suoi abitanti. Fuori dal bungalow trovavo spessi gechi che si arrampicavano lungo le pareti. Mi facevano sorridere, anche perché sembra che il fatto di vederli sia di buon auspicio.

Il Club Rannalhi è formato da lingue di sabbia e da calette, mentre la spiaggia più grande di tutta l’isola era adibita a campo da volleyball e per altri giochi di squadra. Ricordo il dispiacere delle ragazze in viaggio di nozze che venivano lasciate sole al tramonto dai loro neo sposi che preferivano andare a fare una partita con gli amici. Per quanto riguarda le sistemazioni, oltre ai bungalow, vi sono le camere over water, posizionate sull’acqua con parte del pavimento di vetro per la vista dei pesci. Spettacolari! Per gli amanti della barriera corallina c’è da sbizzarrirsi. Il centro diving del resort organizzava uscite subacquee ogni giorno, ma anche per chi si limita a fare snorkeling lo scenario è meraviglioso! Le varie specie di pesci colorati si vedono anche a occhio nudo solamente stando sulla passerella dell’attracco delle barche.img085

Fate attenzione al sole che scotta veramente tanto! Munitevi di crema solare al alta protezione, cappello e maglietta se siete bianchi bianchi. Oltre alle immersioni, al mare cristallino, alla sabbia borotalco e al sole caldo, alle Maldive si può pescare. A giorni prefissati si esce in barca ed il pesce pescato viene cucinato al ristorante del Rannalhi e servito ai loro proprietari. La pesca non è soltanto diurna ma vengono organizzate anche uscite notturne.img086

Con una imbarcazione tipica maldiviana chiamata Dhoni andai in escursione sull’isola di Maafushi. E’ abitata unicamente da pescatori e dalle loro famiglie che ci hanno accolti con molta benevolenza. Appena scesa dalla barca mi attendeva un ragazzo maldiviano che mi accompagnò per tutta l’isola facendomi da assistente. Solamente da questo fatto compresi che questa popolazione è molto accogliente e cordiale. Visitammo il centro con i suoi negozietti per comprare ciabattine di legno, parei e souvenir. Proseguimmo entrando nella casa di un pescatore dove la moglie era ansiosa di accoglierci per farci assaggiare dolcetti fatti in casa. La guida ci fece notare che la casa tipica del pescatore è formata da coralli. Poco distante da qui vi è la scuola e una moschea dove non ci fu permessa l’entrata così mi limitai a curiosare dalla porta principale. Durante questa giornata trascorsa con la gente del posto imparai diverse usanze e tradizioni. Per questo consiglio questa gita a tutti quelli che vanno alle Maldive. Oltre ai bellissimi resort c’è un mondo a parte che merita di essere conosciuto. Qualche anno dopo venni a sapere che, proprio sull’isola di Maafishi, i maldiviani hanno aperto delle Guest House per accogliere ed ospitare i turisti. Bisogna solo  avere delle accortezze come per esempio non bere alcolici e non girovagare in costume da bagno.  Ma credo che per un giorno si possa evitare tutto ciò.

La sera rientrai al Rannalhi più che soddisfatta. Ma dovetti sbrigarmi. La serata pareo ci attendeva al ristorante! Ogni ospite del resort doveva indossare un pareo per la cena tipica maldiviana. Veramente divertente! Il cibo maldiviano è un pò troppo piccante e speziato per i miei gusti, mentre durante il resto del soggiorno fu ottimo con piatti che variavano tra carne, pesce e gustosi primi. Dopo cena ci si ritrovava al bar con la terrazza sull’Oceano da dove vedevamo uscire dall’acqua dei piccoli granchi che si rincorrevano sulla sabbia. Le mie preferite però rimangono le iguanine che attraversavano il cammino durante il nostro passaggio.

Non posso dimenticarmi di scrivere che nel resort vi era anche un piccolo centro massaggi, dove quelli ayurvedici andavano per la maggiore. L’ultima sera trovammo il tavolo apparecchiato in maniera singolare… era il loro modo per salutarci!img104

Cosa desiderare di più?