Tag Archives: Vietnam

LE DIECI METE EMERGENTI DEL 2018

Gennaio 2018

Sudafrica destinazione top, Russia dei mondiali di calcio da scoprire, Vietnam meta emergente per la gastronomia, La Valletta capitale europea della cultura

Una vacanza attiva ma allo stesso tempo rilassante, destinazioni lontane dal turismo di massa ma comunque sicure e attrezzate. E poi esperienze autentiche, a contatto con la natura e la cultura dei luoghi, con un interesse spiccato per le tradizioni culinarie. Sono queste le caratteristiche del “viaggio perfetto” per gli italiani secondo CartOrange, la più grande azienda italiana di consulenti di viaggio, la prima a portare in Italia queste figure specializzate proprio nel conciliare tutte le esigenze e i desideri dei viaggiatori confezionando vacanze su misura, personalizzate in ogni aspetto. Secondo Gianpaolo Romano, amministratore delegato di CartOrange, per l’anno appena iniziato si possono scorgere alcuni trend: «Il 2018 –afferma Romano – sarà all’insegna della scoperta di mete poco conosciute dagli italiani, come il Sudafrica e la Russia centrale e orientale, ma anche della riscoperta, con percorsi alternativi, di aree già care ai nostri connazionali come il sud-est asiatico, dove emergono Indonesia e Vietnam, e i Caraibi, dove la meta di tendenza è Aruba. Non si arresta l’ascesa dell’Islanda, sempre più gettonata da qualche anno a questa parte e, per restare nell’ambito dei climi freddi, si afferma sempre di più il Canada».
Ecco quindi le dieci mete emergenti secondo i dati CartOrange con le esperienze più originali da poter vivere in questi paesi.
Sudafrica: la natura e i vini che non ti aspetti – È la destinazione top 2018 perché offre esperienze molto varie, dall’avvistamento della fauna alle e degustazioni enogastronomiche. «In Sudafrica si possono esplorare ambienti naturali diversissimi –spiega Gianpaolo Romano–. La Riserva Naturale di Stony Point ospita una delle colonie di pinguini africani più grandi del mondo e lungo il tragitto è possibile avvistare le balene che si avvicinano alla costa (da giugno a novembre). A Hermanus, cittadina incastonata tra le montagne e il mare, si possono ammirare anche da terra le balene franche australi, che si avvicinano alla costa nei mesi dell’inverno australe». Non solo, i dintorni di Città del Capo riservano sorprese agli amanti del vino. «La Elgin Valley, con le sue aziende vinicole a conduzione familiare e i suoi “Farm Stall”, tipici punti vendita diretti al pubblico delle aziende agricole locali, è un luogo ideale per un’esperienza enogastronomica» consiglia sempre Romano.
Bali (Indonesia): sport e tradizioni a contatto con i popoli locali – È tra le mete di tendenza del 2018 per la possibilità di fare turismo attivo ma allo stesso tempo rilassante. Tra le esperienze consigliate da CartOrange: trekking/cycling tra le risaie e i villaggi rurali di Bali e passeggiata a cavallo lungo le spiagge vulcaniche di Saba; rafting nella valle di Ayung e pranzo panoramico a Ubud con vista sulle più belle risaie del mondo (Jatiluwih). «L’Indonesia è un paese di grande cultura e tradizione che non mancherà di affascinare chi è interessato alla vita autentica delle popolazioni locali –spiega Romano–. Fra le esperienze più apprezzate dai nostri viaggiatori c’è la visita al villaggio di Tabanan, con il suo mercato e il Museo Subak dedicato agli strumenti agricoli tradizionali. Qui proponiamo anche la visita alla scuola primaria e un’esperienza in una casa tradizionale, da dove si parte poi per imparare a coltivare il riso ed esplorare le piantagioni».
Thailandia: romanticismo in primo piano – È in questa top ten perché gli italiani la apprezzano ormai da anni per il suo “lusso accessibile”. «Questa destinazione è perfetta per un viaggio romantico –consiglia Romano–. Sulle spiagge di Koh Samui gli innamorati possono godersi cene romantiche in spiaggia, passare giornate in barca alla scoperta di splendidi fondali e di una natura incontaminata, crociere al tramonto, trattamenti benessere; perfetto per le coppie anche il lusso urbano di Bangkok». L’esperienza più bella secondo CartOrange? «Le immersioni ad Hat Yai Island, accessibile dalla costa di Trang, dove si trovano incredibili caverne sottomarine; esplorarne gli interni misteriosi è un’esperienza indimenticabile, con stalattiti incombenti di più di 30 metri che scendono dal soffitto».
Canada: natura incontaminata e un carnevale alternativo – È una meta emergente soprattutto per chi ricerca una natura incontaminata ma vuole anche scoprire un Paese con un indice di benessere elevato. «Le due facce del Canada garantiscono diversi tipi di esperienze –spiega Gianpaolo Romano–, soprattutto a contatto con la fauna dei parchi, come l’escursione in Zodiac (una speciale imbarcazione) da Tofino con avvistamento di orsi e cetacei, e a contatto con gli abitanti del luogo, come l’esperienza alla Sucrerie tra Montreal e Quebec». Ed è una destinazione interessante non solo d’estate: «Una chicca da non perdere –secondo Romano– è il carnevale invernale di Quebec City che si svolge fin dal 1954, dalla fine di gennaio alla metà di febbraio: è l’occasione di divertirsi con sfilate notturne, gare con slitte trainate dai cani, rafting e canoa sulla neve, pesca sul ghiaccio, competizioni in motoslitta, serate di gala con danze in costume e molto altro».
Islanda: paesaggi da film e relax nelle sorgenti calde – Considerata per anni fuori dalle rotte più battute, sta vivendo un momento di grande scoperta da parte dei turisti, ma rimane ancora la meta ideale per chi ricerca una vacanza lontano dalla civiltà, a contatto con la natura e paesaggi quasi “lunari”, dove sono stati girati numerosi film e serie tv, come Game of Thrones. Ma non è solo un ambiente ostile per viaggiatori estremi: «Chi teme di stancarsi presto del freddo potrà trovare relax nei moltissimi bagni termali alimentati dalle sorgenti calde –spiega Romano –. I viaggiatori possono rilassarsi in affascinanti terme all’esterno e godersi la vita cittadina di Rejkjavik, conosciuta proprio per la sua vitalità.
Namibia: nel deserto, sotto le stelle – Spicca fra le destinazioni africane perché sicura e accessibile. Offre molto dal punto di vista naturalistico, «Ma la differenza può farla anche la struttura presso cui soggiornare –sostiene Gianpaolo Romano–. Noi proponiamo per esempio il Sossusvlei Desert Lodge, nei pressi del deserto del Namib, che è uno dei lodge migliori al mondo per servizi ma anche cura dei dettagli: dall’arredamento alla qualità della cucina oltre all’estrema professionalità del personale». Qui, dieci bungalow addossati alla montagna e affacciati sul deserto sono costruiti in pietra locale e perfettamente integrati nel paesaggio. All’interno del lodge il deserto è sempre presente grazie alle grandi vetrate. Anche sopra il tetto c’è un ampio lucernario per poter ammirare di notte il cielo stellato che, in questa zona della Namibia, è particolarmente interessante, tant’è che all’interno della struttura si trova un osservatorio astronomico.
Vietnam: profumi, colori e street food – È la meta emergente del 2018 per la gastronomia, la natura incontaminata e le popolazioni accoglienti. Secondo Gianpaolo Romano, «Hanoi è la città ideale per gustare i più svariati generi di street food mangiando come gli abitanti locali lungo le strade della città, passeggiando tra le vie del quartiere vecchio, colmo di negozietti di fortuna, motorini, venditori ambulanti, colori, suoni e profumi invitanti». Altre esperienze proposte da CartOrange che coniugano gastronomia e cultura sono le escursioni ai mercati galleggianti, come quello di Cai Rang, o il giro in bicicletta a Cai Thia, con pranzo a casa di un abitante del paese.
Russia: un Paese ancora tutto da esplorare – La Russia è una destinazione affascinante e sconosciuta a molti. Oltre alla Russia occidentale con le mete classiche –San Pietroburgo, Mosca e l’Anello D’Oro– esistono paesaggi quasi inesplorati, silenziosi e mistici, «Come il lago Bajkal, dove le onde si ghiacciano in movimento, e le aree incontaminate della Carelia, dell’Altay e del Krasnoyarsk» spiega Romano. Vladivostok, con le sue case colorate che fanno da contrasto con una luce sempre fioca e un’atmosfera cupa, si raggiunge grazie a un viaggio indimenticabile lungo la Transiberiana. I mondiali di calcio 2018 possono essere un ottimo momento per scoprire questo paese.
Aruba: un concentrato di esperienze diverse – Aruba è un’isola dalle molte facce: un lato caraibico con Eagle Beach, spiaggia tranquilla e non affollata, e un lato coloniale con la capitale Oranjestad. «Si tratta di una nazione poco estesa, che offre in piccolo tante esperienze che possono accontentare tutti –spiega Gianpaolo Romano–. La parte più occidentale dell’isola offre tutti i comfort con hotel imponenti, spiagge attrezzate e un’importante zona commerciale. Infine c’è una parte più selvaggia, mistica e desertica, non adatta alla balneazione ma perfetta per le avventure nella natura».
Malta: a tutta cultura – Fra le destinazioni top 2018 non poteva mancare quella dove si trova la capitale europea della cultura designata per quest’anno: Malta, con La Valletta. «Tantissimi eventi movimenteranno quest’isola durante il 2018 –spiega Romano–. Dalla musica, al teatro, all’arte e alla letteratura. I momenti imperdibili sono il carnevale di febbraio, il Malta International Music Festival tra aprile e maggio e il Valletta Green Festival, quando la Piazza San Gorg si trasformerà in una serra a cielo aperto. Non mancheranno le settimane dedicate a vari temi a movimentare la città, tra moda, rock, jazz, arte». Ma c’è anche l’opportunità di soggiornare in tranquillità: l’isola di Gozo offre il mare più bello e un’atmosfera caratteristica e autentica.
Articolo preso dal sito www.affaritaliani.it

IL MIO VIAGGIO IN VIETNAM E CAMBOGIA (seconda parte)

Maggio 2016

Prosegue il mio racconto sul viaggio in Vietnam e Cambogia appena concluso. Nella categoria “Asia” del mio blog trovate la prima parte con descrizioni e fotografie.

Dove eravamo rimasti… Alla navigazione del fiume Mekong. Dopo aver pranzato in una casa di un villaggio locale, sono tornata alla imbarcazione principale tramite un piccolo sampan, tipica barca di legno di lunghezza variabile tra i 3 e i 4,5 metri. Mi hanno caricata con la mia sedia a rotelle senza bisogno di sedersi sulle assi della barchetta.

La sera ho pernottato a Chau Doc, città vietnamita al confine con la Cambogia. Il mattino seguente, direttamente dall’hotel, ho preso un’altra imbarcazione che, via fiume (sempre il lunghissimo Mekong) mi ha condotto a Phnom Penh, capitale della Cambogia. Come tutte le altre tipologie di barca, nemmeno questa ha l’accesso alle sedie a rotelle. Mi hanno aiutata come sempre a salire a bordo. L’interno non è accessibile, bisogna stare fuori sulla propria carrozzina oppure sedersi sulle panchine (sempre all’aria aperta). Fortunatamente queste imbarcazioni sono coperte per mettere al riparo dal sole che scotta parecchio! Durante le cinque ore di navigazione si fa tappa a due dogane, quella vietnamita e quella cambogiana per i timbri e i visti. Date le numerose barriere architettoniche alla persone disabile viene concesso di rimanere a bordo.

PHON PENH, capitale politica ed economica della Cambogia e capoluogo del municipio omonimo. Visita al Palazzo Reale dove spicca la Pagoda d’Argento. Il Palazzo Reale si snoda su una superficie pianeggiante quindi non ho riscontrato grosse difficoltà. Alcuni interni sono inaccessibili.

Per i visitatori che si recano a Phom Penh e hanno ancora un pò di tempo a loro disposizione consiglio la visita al Museo Khmer, meglio conosciuto come Museo Nazionale della Cambogia. Al suo interno trovate la più bella collezione di sculture Khmer esistente al mondo. L’elegante edificio che lo ospita è stato realizzato in mattoni rossi ed al suo interno vi è un piacevole giardino. Non ha l’accesso alle carrozzine e vi sono numerosi gradini da superare.

Trasferimento auto da Phonm Penh a Siem Reap. Macchina privata, comoda con aria condizionata. Le cinque ore di viaggio sono volate passandole ad ammirare la vita cambogiana che si svolgeva lungo la strada. Ed eccoci finalmente a Siem Reap, città ubicata tra le rovine di Angkor Wat ed il grande lago Tonle Sap.

TEMPLI E SITI ARCHEOLOGICI VISITATI: Angkor Thom, siti di Jayavarman VII, Porta Sud, Terrazza degli Elefanti, Terrazza del re Lebbroso, i siti Baphuon-Phimeanakas-Khleang Nord e Sud-le 12 PrasatSuor Prat, Preah Khan, Neak Pean, Ta Prohm, tempio di Banteay Srei, tempio di Banteay Samre, Angkor Wat.

Tutti questi siti non sono visitabili internamente in sedia a rotelle. Sono riuscita ad ammirarli tutti dall’esterno avvicinandomi il più possibile con la mia carrozzina. Ma i gradoni per l’accesso sono troppi e troppo alti. L’unico che ho potuto visitare al meglio è stato Ta Prohm, il Tempio delle Radici, il mio preferito in assoluto! Diversamente dalla maggior parte dei templi di Angkor, Ta Prohm è rimasto nelle stesse condizioni in cui è stato trovato. Fantastica e spettacolare la combinazione degli alberi che crescono sulle rovine!

La enorme foresta cambogiana che circonda questi templi è stata, per me, la protagonista principale di questi tre giorni a Siem Reap. Vedere villaggi senza elettricità con case a palafitte, bambini che crescono allo stato brado, donne che vendono frutta per le strade sterrate, carrettini e biciclette guidati dai grandi ma anche dai più piccoli mi ha reso l’idea della dura realtà che ancora oggi sono costrette ad affrontare e a vivere quotidianamente queste popolazioni. Questo è il viaggio, questa è l’esperienza più bella… Questo, nel bene e nel male, è l’arricchimento culturale!

Questo è stato uno dei viaggi più intensi della mia vita. Spero di esservi stata come sempre di aiuto. Le difficoltà non sono poche, ma in sedia a rotelle ce la si può fare. Per tutti i viaggi e gli itinerari per disabili visitate il sito internet www.go4all.it

P.S. In Cambogia non dimenticatevi di assaggiare la tarantola frittaIMG_3252

IL MIO VIAGGIO IN VIETNAM E CAMBOGIA (prima parte)

Maggio 2016

Sono rientrata da poco da un viaggio meraviglioso in Indocina, più precisamente in Vietnam e Cambogia. E’ stato il mio primo viaggio Go4all. Per coloro non lo sapessero, Go4all è un tour operator con sede ad Ancona che si occupa di viaggi per disabili. Ed essendo in sedia a rotelle sono stata mandata a verificare non solo gli hotel, ma anche il tour, per capire le difficoltà e le barriere architettoniche  che una persona diversamente abile potrebbe trovare. Potete trovare tutti i viaggi che proponiamo sul sito www.go4all.it

Sono sincera, è un viaggio impegnativo e ci vuole parecchio spirito di adattamento, ma con i giusti aiuti lo si può fare. Go4ll mette a disposizione una guida, un’autista e un assistente, ovvero una persona che sta tutto il giorno accanto al disabile per aiutarlo a superare le varie difficoltà che si trovano nei Paesi asiatici. In questo modo, sono riuscita a fare tutto, anzi, di tutto e di più!

ITINERARIO: Hanoi, Halong Bay, Ho Chi Minh, delta del Mekong, Chau Doc, trasferimento a Phnon Penh via fiume, Siem Reap

Dopo il volo continentale durato circa 14 ore con stopover a Singapore sono atterrata ad Hanoi. Se penso alle città vietnamita che ho visitato, Hanoi è quella che ho apprezzato maggiormente. E’ la capitale del Vietnam e sorge sulla riva destra del fiume Rosso. La prima cosa che mi ha colpito è il numero esagerato di motorini che circolano per le strade. Il traffico è assurdo e ci si impiega molto tempo solo a passare da un lato all’altro della città. Ho ritenuto Hanoi ancora autentica, poco sfruttata dal turismo e antica. Bella la Pagoda ad un solo Pilastro, il Tempio della Letteratura e l’Antica Università, attrazioni che ho ammirato con piacere. Ma mi è piaciuto ancora di più vedere le persone locali vivere sui marciapiedi la loro giornata quotidiana mangiando frutta o addirittura tagliandosi i capelli. Questo modi di vivere è lontano dal nostro, forse per questo mi affascina così tanto. In molti pensano che Hanoi si presenti come una tipica città francese dato il retaggio della dominazione coloniale. Io invece ho scovato ed enfatizzato solo gli aspetti che richiamano la secolare cultura asiatica.

Dopo la visita di Hanoi ho trascorso due giorni in barca nella baia di Halong. Le imbarcazioni tipiche per la navigazione si chiamano “giunche“, dette così perché uno dei principali legni utilizzati per la costruzione è il giunco. Questo tipo di barca non ha l’accesso per le sedie a rotelle ed anche al suo interno risulta difficile muoversi in carrozzina. Il piano del ristorante e della reception sono accessibili, mentre per accedere alle camere e alla terrazza panoramica si necessita di aiuto. Ma nessun problema! Il personale a bordo si è offerto di aiutarmi facendomi trascorrere due giorni meravigliosamente bene! Pensate che sono riuscita ad effettuare anche le due escursioni in programma. Ogni volta bisogna spostarsi su una barca più piccola che funge da “tender” con la quale si raggiungono i vari punti d’interesse. Chi non se la sente di effettuare escursioni può rimanere tranquillamente sulla giunca ed ammirare il panorama con le sue isole calcaree, le falesie e le numerose grotte carsiche. Prima di scendere definitivamente a terra mi hanno portata a visitare un villaggio galleggiante. Sono stata trasferita senza carrozzina su una “barca cesto“, piccolissima barchetta sei posti dove una donna vietnamita ha pagaiato lungo una parte della baia. Esperienza unica e fantastica allo stesso tempo per me. Il punto negativo è che questa piccola barchetta non ha i seggiolini dove appoggiarsi, ma solo delle assi di legno dove potersi sedere. Il cibo in barca è stato ottimo, tutto a base di pesce. Ho approfittato per provare la jellyfish, ovvero la medusa.

Non mi voglio soffermare troppo su Ho Chi Minh, la vecchia Saigon. L’ho trovata troppo moderna, con un’impronta americana. Luci al led per le strade e grattacieli. Dall’oriente io cerco altro. Ma da questa città abbiamo raggiunto i famosi tunnel sotterranei di Cu Chi, davvero IMPERDIBILI! La strada che si snoda per raggiungere i vari cunicoli è piuttosto tortuosa e non asfaltata. Questa rete sotterranea di gallerie racconta la storia della guerra del Vietnam ed alcuni filmati e racconti della guida fanno venire la pelle d’oca! Consiglio a tutti questa visita. Questo è uno dei pochi luoghi che dispone di bagno per disabili.

Il mio orgoglio… Aver navigato il Delta del famigerato fiume Mekong! Anche l’imbarcazione usata in questa occasione non dispone di accesso per le sedia a rotelle. Ma in oriente le persone sono talmente gentili e premurose che,ripeto, ti permettono di effettuare tutto quello che si desidera fare. Le tappe lungo il fiume sono state molte, quindi su e giù dalla barca. Visita a fattorie galleggianti per l’allevamento di pesce, mercati galleggianti delimitati da alberi di papaia e di cocco, assaggi di frutta, liquori tipici locali… Ma quello che più mi è rimasto nel cuore è stato vedere con occhi e toccare con mano la vera vita di questi villaggi, gli usi dei suoi abitanti e le tradizioni portate avanti negli anni dalle generazioni precedenti. Per esempio come preparano le caramelle al cocco, il thé al miele o i loro elettrodomestici per la casa costruiti con tronchi di noce di cocco. Durante la visita abbiamo pranzato in una casa locale. Grosso problema per me dato che per raggiungere questa casa si doveva attraversare uno stretto ponte tibetano… Come fare? Ma nessun problema! Sono stata trasportata sulle spalle del mio aiutante lungo tutto il ponte accedendo così al ristorantino tipico!

Come si mangia e cosa si mangia in Vietnam? Per me questa è stata la nota dolente del viaggio. Il cibo è buono, ma il problema è mangiare sempre le stesse cose per 10 giorni. La cucina vietnamita propone involtini di pollo e verdure, zuppe di ogni tipo con noodle o ravioli, gamberi cucinati in vari modi, carne di maiale cotta al sesamo, pesce gatto e ovviamente tanto riso! Il latte di cocco viene servito anche a colazione!

Come è proseguito il mio fantastico viaggio? Siete curiosi? Troverete la seconda parte del racconto nella categoria “Asia” tra qualche giorno…

Seguitemi! Sempre!